Condividi su facebook
Condividi su twitter

Recensione-Maneater

Avete mai sognato di esplorare i fondali marini diventando degli squali? Combattere contro altre creature per ottenere il controllo della zona e lottare senza sosta anche con  i cacciatori? Bene i ragazzi di Tripwire Interactive possono soddisfare il vostro desiderio grazie a Maneater, un gioco con elementi ruolistici dove impersonerete uno squalo all’interno di una mappa open world. La trama non è un elemento di punta all’interno del gioco, infatti dopo un tutorial dove imparerete i vari comandi usando uno squalo adulto, ecco che uno dei tanti cacciatori riuscirà a catturarvi. Ignaro del cucciolo che lo squalo porta in grembo, il cacciatore verrà preso alla sprovvista riuscendo a fuggire. Ottenuto il controllo del baby squalo, ecco che dovrete iniziare una moltitudine di missioni per aumentare la vostra popolarità (chiamata Infamia nel gioco) e sopratutto diventare il predatore più temuto del mare. La trama ruota dunque intorno alla crescita e sviluppo, infatti attaccando, distruggendo e trovando casse di rifornimenti, aumenterete il vostro livello diventando sempre più forti e adulti

3ADE2C62 5FA2 41B3 984A 2729D1D42754 e1589970248382

Il gameplay si presenta in modo semplice e grazie al tutorial iniziale sarete fin da subito pratici dei comandi. Il sistema di combattimento si compone di due singoli attacchi, il primo è ovviamente il morso capace di infliggere ingenti danni in base alle vostre statistiche, mentre il secondo è il colpo di coda, che servirà a stordire gli avversari. Soffermandomi ad analizzare più nel dettaglio le lotte presenti in Maneater, posso confermare che non abbiano ricevuto le giuste attenzioni e con la presenza di una telecamera davvero molto ballerina sarà facile che potrete avvertire un senso di fastidio e confusione. Una volta conclusa la lotta contro cacciatori o altri animali marini, lo squalo ricevere esperienza per salire di livello, ma soprattutto crescerà fisicamente raggiungendo l’età adulta. Oltre a poter lottare sarà obbligatorio nutrirvi di bagnanti o altri animali più deboli, inoltre saranno presenti anche delle casse sommerse in grado di aiutarvi nella crescita, anche se per lo sviluppo velocizzato sarà sempre consigliabile  portare a termine le missioni di gioco

08B13D94 35FB 47D2 844F CB6496FFAAB0 e1589970293437

Dirigendovi all’interno di caverne sparse per la mappa, avrete modo di sviluppare singolarmente le parti del corpo come busto, coda, testa, organi e persino l’estetica. Sono presenti anche molteplici abilità, in grado di darvi supporto durante gli scontri o nella semplice esplorazione. Una delle prime abilità che otterrete sarà quella del radar, capace di rivelare la presenza di ogni essere vivente nel raggio d’azione dello squalo. La mappa si compone di molteplici zone, che in base al vostro livello potrete esplorare liberamente. In ogni area sarà presente un boss che, dopo aver concluso le missioni principali, potrete sfidare per ottenere il controllo del luogo. Parlando invece dei nemici che arrivano dalla terraferma, quest’ ultimi cercheranno in tutti i modi di catturarvi e uccidervi, usando ogni mezzo possibile come armi da fuoco, bombe e persino arpioni. Aumentando l’infamia però, scenderanno in campo cacciatori esperti come quello visto nei primi minuti di gioco, che saranno molto più tosti dei semplici umani. Per poterli affrontare, dovrete prima però portare a termine gli incarichi che ognuno avrà scritto nella propria bacheca personaggio, visibile attraverso il menu di gioco.

260E0E32 1D82 4ACA A41A 8EBEC4E3B913 e1589970343391

Passando a parlare del lato grafico, Maneater gode di una qualità decisamente apprezzabile, infatti è visibile come i ragazzi dì Tripwire abbiano voluto dare attenzione ai singoli elementi marini. Certo non è esente da errori, ma non saranno così tanti da potervi creare fastidi. Il sonoro invece è molto buono, anche se le urla dei bagnati saranno pressoché identiche, avendo soltanto differenze tra quello maschile e femminile.Il titolo dispone della lingua italiana, mantenendo però le voci dei cacciatori in inglese che ovviamente avranno dei sottotitoli davvero fedeli.

6562748D C77D 4C11 BFB9 E1D4BA36B625 e1589970386272

In conclusione Maneater è un videogioco capace di darvi divertimento e qualche oretta di relax. Certo come già scritto non gode di una trama particolare e alla lunga potrebbe risultare anche molto ripetitivo, ma rimane comunque un prodotto da apprezzare, soprattutto l’idea avuta nel realizzarlo.

Potrebbero Interessarti