Condividi su facebook
Condividi su twitter

Recensione- The Haunting of Bly Manor

The Haunting of Hill House è stata la serie tv che ha dato giustizia a un genere ormai morto e deriso, che purtroppo negli ultimi anni ha visto una vera e propria pubblicazione di pellicole imbarazzanti. Grazie a Netflix e soprattutto al grande lavoro del regista statunitense Mike Flanagan, gli amanti dell’horror hanno nuovamente potuto provare le sensazioni che si cercano quando si sceglie un film di paura, godendo anche di una trama interessante e piena di colpi di scena. In questo articolo però non siamo qui per parlare della famiglia legata a Hill House, bensì della seconda stagione, che cerca di mantenere la qualità della precedente. 

48AC4C19 A853 42AE ADB4 5F6ACB6A3169

A causa della perdita dei genitori per colpa di un incidente, i piccoli Wingrave sono costretti a passare la loro infanzia chiusi nella villa di famiglia con solo pochi membri della servitù. Arrivata nella villa Bly dopo aver accettato il lavoro come Babysitter, Dany Clayton inizia a vedere cose strane e soprattutto ad avere esperienze poco piacevoli, ma il vero problema appare durante le notti e questo a causa di una figura femminile che si aggira tra i corridoi della casa in cerca di qualcosa, soprannominata la donna del lago. La trama, diversamente dalla prima stagione, sposa un approccio molto più enigmatico, portando lo spettatore a ottenere piccoli pezzi alla volta, proprio come un vero puzzle da comporre per capire cosa sia realmente accaduto. 

BC528B49 5ED6 416E B5D5 480C41228F94

L’ambientazione si presenta priva quasi del tutto di colori, e tolti i fiori di Jamie o  i vestiti sgargianti di Hannah, quello che vedrete saranno solo toni scuri e spenti, giusti per il contesto che offre una residenza maledetta e piena di fantasmi. La fotografia appare impeccabile e tolta qualche parte tutto ruota intorno all’edificio e la sua terra. Piccola avvertenza per chi ama osservare ogni singola inquadratura, infatti anche in Bly Manor ci saranno entità posizionate in angoli strategici, dove in caso non diate la giusta attenzione non potrete vederli. Il gioco di luci e ombre funziona perfettamente e non avrete mai immagini poco dettagliate. 
 
EAB08E19 31F2 4525 9518 CAC82768667D

La colonna sonora si compone di qualche nuovo brano strumentale, ma per chi ha un ottimo orecchio ricorderà sicuramente Go Tomorrow, brano presente anche nella prima stagione. Il cast presenta nuovi volti come T’Nia Miller (Stud Life), Tahirah Sharif (A Christmas Prince: The Royal Wedding) Amelia Eve (Enterprice) e Rahul Kohli (Supergirl), mentre ritornano nuovamente con altri ruoli Victoria Pedretti, Kate Siegel, Oliver Jackson, Henry Thomas e Carla Cugino, gia visti in azione nella prima stagione The Haunting of Hill House. Per quanto tutto il cast abbia fatto un ottimo lavoro è giusto dire che i due bambini, che vestono i panni dei figli Wingrave, hanno svolto un lavoro impeccabile e quasi impossibile da pensare per la loro giovane età. Amelie Bea Smith sarà la bambina più enigmatica da capire a causa delle sue azioni particolari, mentre Benjamin Evan Ainsworth, sarà quello che svelerà fin da subito che c’è qualcosa di strano. 

626ADBCB D284 4BCD BD8B 72C7FB80E687

In conclusione The Haunting of Bly Manor è una serie capace di catturarvi e tenervi sulle spine fino alla fine grazie ai vari intrecci e misteri. Non pensiate però che la trama frammentata possa non darvi le giuste risposte, perché tutto sarà spiegato nei minimi dettagli e vi garantisco che anche un semplice oggetto come un pupazzo, avrà il suo ruolo in questa storia di fantasmi con sfumature di drammaticità

https://youtu.be/tykS7QfTWMQ
Trailer ufficiale

 

Potrebbero Interessarti