Yakuza: Like a Dragon- Recensione

La serie Yakuza ha ottenuto con il tempo un seguito davvero immenso, arrivando a tal punto da ricevere non solo svariati capitoli principali, ma anche spin-off e remastered. Yakuza: Like a Dragon sembra però essere un nuovo inizio, questo perché gli sviluppatori hanno deciso di cambiare le carte in tavola e di voltare pagina sotto ogni punto di vista.
Concluso un periodo di galera dovuto a un omicidio, il giovane Ichiban “Ichi” Kasuga, membro della famiglia Arakawa, si ritrova a dover riconquistare il suo onore, ma soprattutto a sventare un complotto che vede coinvolte alte cariche del governo giapponese. La trama usa delle fondamenta già viste, ma mette in campo un protagonista completamente nuovo e soprattutto diverso da quello che i fan sono abituati. Ichi è chiassoso e casinista, per non parlare dei compagni che decideranno di seguirlo, altrettanto bizzarri e soprattutto imprevedibile.

29297EB3 62F4 4158 92AA F835CCEC9E64 e1604997391917

Il gameplay è la base che ha visto di più un cambiamento di rotta, infatti se pensate che Yakuza: Like a Dragoon possa anche solo avvicinarsi a quelli precedenti vi sbagliate di grosso, il titolo presenta un sistema ruolistico, dove ogni personaggio avrà le proprie abilità da apprendere e sviluppare. Durante combattimento, sarete liberi di decidere quali azioni far compiere e concluso il match, ecco che verranno assegnati dei punti e esperienza per sviluppare quello che sarà un vero e proprio ramo con una moltitudine di diramazione. Chiamato con il nome “lavori” questa schermata vi permetterà di decidere la strada da far percorrere al personaggio, ma detto in parole povere sarà il classico sistema di classi che ogni gioco di ruolo che si rispetti possiede. Durante i combattimenti, avrete a disposizione un menu principale dove deciderete le varie azioni da far compiere, inoltre ogni membro del party disporrà di tecniche speciali che, grazie al quick time event, potrete dare un potenziamento al vostro attacco. Lo sviluppo potrà essere però portato a termine compiendo svariati incarichi, come aiuti, legami e persino all’interno di minigiochi, quindi ricordate di dare attenzione a tutto quello che vi circonda.

D7DB1D7A F9BC 41AD 8225 D448B277557E e1604997441812

0B85CCE3 2600 410C 9674 019C46D227BB

Passando a parlare del lato grafico, non si può dire che sia stato fatto un ottimo lavoro, infatti i fondali appariranno con una bassa qualità e capiterà spesso un blocco nel caricamento delle texture. Questi problemi purtroppo saranno ancora più visibili a causa del contrasto con i personaggi principali, che al contrario hanno ricevuto una cura molto più mirata. Nulla invece da giudicare per quanto riguarda il comparto sonoro, che dispone di musiche davvero piacevoli, mentre il doppiaggio sarà sia  originali che in inglese. Disponibili anche i sottotitoli in italiano.

34A3CC1F 666D 40BF B72F A713EA81BC0B e1604997508264

In conclusione Yakuza: Like a Dragon è un titolo che potrà essere apprezzato dai fan, ma potrebbe anche essere criticato a causa dei vari cambiamenti adottati, per non parlare dei problemi grafici che potevano essere evitati visto il cambio di rotta scelto dagli sviluppatori.

Potrebbero Interessarti