Condividi su facebook
Condividi su twitter

Star Dynasties è un nuovo Grand-Strategy in Early Access su Steam

Ci troviamo nello spazio impegnati ad occuparci del nostro personaggio, il duca di una nuova dinastia feudale galattica. Ecco, questo è Star Dynasties, un nuovo grand-strategy game da pochi giorni entrato in Accesso Anticipato su Steam. Ormai dopo diverse ore e con la seconda partita in attivo sto cercando di barcamenarmi tra intrighi, matrimoni, relazioni extra-coniugali e guerre intergalattiche nel tentativo di far prosperare la mia dinastia appena creata, la famiglia House. In Star Dynasties l’obiettivo è tanto semplice quanto efficace, domina la galassia e diventa la fazione più potente della mappa di gioco, generata ogni partita in modo casuale.

start4

Intrighi politici e scandali indecenti nello spazio

Nel gioco di Pawley Games come avrete già intuito l’ambientazione sci-fi si mescola con alcune tematiche più medioevali ed infatti i sistemi di governo che potrete costruire sono di tipo feudale con tanto di vassalli e compagnia. Come ogni grand-strategy che si rispetti, gestire un impero galattico necessita grande attenzione a un innumerevole numero di aspetti del proprio impero, ma da questo punto di vista potremmo dire che Star Dynasties cerca di di concentrarsi con grande attenzione su una delle caratteristiche più apprezzate del recente Crusader Kings 3 di Paradox, ovvero la componente ruolistica della gestione degli eventi di gioco.

events4

Nelle due partite che abbiamo portato entrambe ormai pressoché a termine, la prima fallimentare e la seconda con successo, le situazioni che ci sono parate davanti ci hanno davvero sorpreso e tanto per darvi un assaggio nella prima il nostro personaggio, nonché duca della famiglia ha intrapreso una relazione extra-coniugale con la moglie del proprio fratello, nonché principe della famiglia, mentre nella seconda è stato quest’ultimo a sedurre la mia compagna, non proprio degli stinchi di santo vero?
Dopo però aver oltrepassato le depravazioni della nostra e delle altre famiglie ci siamo rapidamente calati nella parte e dobbiamo essere sinceri, le sessioni di gioco di Star Dynasties sono state davvero lunghe, estenuanti ma anche molto divertenti, perché sempre più presi dalla voglia di scoprire cosa la fine del turno ci avrebbe riservato. Insomma, se volete scrivere delle telenovelas, di secondo ordine nel nostro caso, ambientate tra famiglie feudali nello spazio, Star Dynasties fa al caso vostro.

events11

Un ottimo strategico

Veniamo però al gameplay del titolo di Pawley Games. Come già anticipato, Star Dynasties mescola al suo interno le meccaniche grand-strategy ad una forte componente ruolistica, nulla che non si sia già visto in titoli come Crusader Kings e difatti il confronto con il titolo Paradox, anche ricercato dallo stesso sviluppatore, non può che essere diretto. Aspettarsi una completezza ed una rifinitura da un gioco in accesso anticipato realizzato da un solo sviluppatore sarebbe abbastanza ingenuo, ma dobbiamo subito affermare che Star Dynasties ha già trovato un suo ottimo equilibrio di partenza. Anziché compiere quello che sarebbe stato con tutta probabilità il passo più lungo della gamba, Pawley Games ha coscientemente scelto di focalizzare l’attenzione sulla gestione degli eventi e praticamente durante ogni nostro turno, della durata di 6 mesi in gioco, avremo a disposizione un determinato numero di punti azione da spendere proprio per compiere scelte di politica interna, estera, economica, relazioni intergalattiche e ovviamente, intrighi familiari e politici.

events3

Da un punto di vista strategico, in Star Dynasties la gestione interna delle finanze e della crescita economica dei pianeti in nostro possesso, non è profonda quanto alcuni dei titoli sopra citati, le azioni che potremo prendere in materia economica sono ridotte ad una manciata di opzioni legate pressoché tutte ad un generico, “miglioramento delle infrastrutture” o “miglioramento della raccolta delle imposte”. Anche da un punto di vista di gestione militare il gioco non offre una stratificazione complessa. Come per il denaro, anche per le truppe, la strategia migliore al momento pare essere quella della mera accumulazione fino a sovrastare il nemico. Le battaglie infatti si svolgono in modo piuttosto semplice. Non c’è bisogno di gestire i movimenti della flotta navale. Dal momento infatti che decideremo per un attacco planetario dovremo scegliere quali flotte impiegare in battaglia e quale generale tra i nostri familiari mettere a capo del battaglione. A quel punto si tratta di scegliere mosse e contromosse in base alla tipologia di navi a disposizione e ai tratti del nostro generale. Ogni personaggio di Star Dynasties infatti è dotato di tratti personali che ne modificano le inclinazioni e le abilità militari, politiche e sociali.

combatresolution1

Durante il vostro turno potrete spendere i punti azione, il cui numero varia in base ad alcuni fattori come il numero di vassalli a disposizione, in una vastissima quantità di modi scatenando catene di eventi che nel giro di pochi turni riempiranno il vostro log e vi lasceranno incuriositi dall’eventuale prosieguo della storia che state scrivendo. Matrimoni, tradimenti, intrighi politici, banchetti finiti in disgrazia, malattie, corruzione sono solo alcune delle situazioni che incontrerete durante una partita di Star Dynasties e vi assicuriamo che ad ogni vostra decisione, le altre fazioni risponderanno in maniera estremamente coerente. Il sistema dei punti azione potrebbe sembrare inizialmente una limitazione specialmente se paragonata alla libertà che invece ci viene lasciata in titoli già citati come Crusader Kings 3 o Stellaris, ma dobbiamo dire che il tutto funziona molto bene.

contacts1

Uno sci-fi ancora acerbo

Dopo soltanto una decina di turni di assestamento la seconda partita della famiglia House si è infiammata e dopo che l’ignominiosa relazione con la moglie del principe della nostra casata, mio fratello, abbiamo astutamente deciso di divergere l’attenzione popolare e dei vari cortigiani nel modo più semplice e sanguinario possibile, una dichiarazione di guerra con tanto di reclamazione di due pianeti vicini, resa possibile dalla lungimirante tattica del matrimonio combinato portata avanti nei turni precedenti. Insomma, situazioni di questo tipo sono solo la punta dell’iceberg di una partita di Star Dynasties e il sistema di gestione degli eventi funziona che è un piacere. Avremmo forse preferito una maggiore attenzione nella descrizione degli stessi, spesso alcuni episodi vengono liquidati con una semplice frase e avremmo apprezzato una maggiore caratterizzazione legata al tema sci-fi, pressoché inesistente se non fosse per i combattimenti tra navicelle spaziali e la mappa che mostra i sistemi spaziali e i pianeti a nostra disposizione.

recentevents5

Togliete quest’ultime e Star Dynasties vi potrebbe sembrare uno strategico abbastanza generico e di scarso mordente; un difetto che ci sentiamo di rimarcare in un titolo che fa anche del giocare di ruolo la colonna portante del suo divertimento. Sotto questo aspetto gradiremmo vedere introdotti anche una molteplicità nei modi di portare a compimento una partita. Dopotutto “cresci e domina l’universo” per quanto efficace alla lunga potrebbe risultare un obiettivo abbastanza semplicistico. L’ambientazione sci-fi offre sicuramente tanti altri spunti in questo senso. Altro piccolo punto a sfavore sta sicuramente nell’interfaccia. Il tutorial spiega esaustivamente tutti gli aspetti del gioco e vi consigliamo ovviamente ,come in qualsiasi titolo del genere, di seguirlo attentamente specie in questo caso, dato che non sempre l’interfaccia riuscirà ad esaurire i possibili dubbi che avrete per la testa. Ad ogni modo potrete consultare sempre il manuale durante le partite che vi spiegherà pratcamente ogni singola meccanica di Star Dynasties.

map3

Conclusione

In conclusione, al momento Star Dynasties si presenta come un titolo estremamente competente, realizzato da un unico sviluppatore che evidentemente di grand-strategy game è particolarmente esperto. Una nota a margine comunque necessaria: per approcciare Star Dynasties occorre una buona conoscenza dell’inglese in modo da comprendere al meglio le meccaniche e tutto ciò che ruoterà intorno alla vostra partita. Già nella sua versione in Accesso Anticipato, che stando alle intenzioni durerà per circa 5/6 mesi, il titolo funziona ampiamente. Siamo fiduciosi che in questo lasso di tempo Pawley Games apporterà alcune modifiche e miglioramenti. La nostra speranza è che i ritocchi vadano nella giusta direzione, una maggiore caratterizzazione dell’elemento sci-fi e una realizzazione ancora più profonda degli aspetti ruolistici già ampiamente funzionanti, in modo così da rendere Star Dynasties qualcosa di più di un già più che dignitoso “Crusader Kings nello spazio“.

Annunci

Per rimanere sempre aggiornati, seguiteci sui nostri canali social!

Potrebbero Interessarti