Condividi su facebook
Condividi su twitter

Mortal Kombat: Recensione

Sono passati quasi 30 anni da quando Mortal Kombat cambiò i canoni di quelli che erano i videogiochi di lotta.

Noi di QuestNews abbiamo potuto vedere il nuovo film su HBO e siamo pronti a recensirlo.

R-Rated

Sicuramente vi sarà capitato di vedere questa sigla. Ma cosa significa esattamente? Per R-Rated si intende un gioco od un film non adatto ai minori (17 anni in America) e che di conseguenza può essere visto con l’ausilio di un genitore o parente. Vi spiegheremo come mai è stata fatta questa scelta, continuando a leggere la nostra recensione. Per la prima volta, il film viene classificato come il gioco da cui prende vita.

Fatality

Per la prima volta, la vera essenza di Mortal Kombat, riesce a venire trasmessa nei suoi porting. Difatti, troveremo diversi personaggi e le loro fatality correlate di frasi ad effetto che solitamente sentiamo quando eseguiamo determinate azioni in game (anche quella in cui la spina dorsale viene letteralmente strappata dal corpo e dalla testa del nemico).

Giappone, 17° secolo

mortal kombat 2021 hanzo hasashi

L’introduzione a questa pellicola comincia nel Giappone del 17° secolo in cui vediamo Hanzo Hasashi con la sua famiglia.
Poco dopo, La famiglia di Hasashi viene sterminata da Bi-Han tramiteil suo potere congelante.
La coreografia in questa prima scena sembrerà molto familiare ai fan di Mortal Kombat.
Non si vedevano scene di lotta così da molto tempo.
Hanzo viene ucciso durante lo scontro contro Bi-Han ed il suo spirito verrà poi portato nel Regno Occulto (Netherrealm), per diventare.. beh, credo che ci possiate arrivare da soli.
Non vi farò spoiler.

Giorni Nostri

Il film fa un salto fino a giorni nostri e rivela che Outworld ha già vinto 9 tornei di fila su 10.
Come saprete, una volta che si vincono 10 tornei, per uno dei reami sarà la fine.
Per assicurasi anche il 10°torneo, Shan Tsung manda i suoi campioni ad uccidere quelli della terra uno per uno.
Un lottatore di MMA (Mixed Martial Arts) di nome Cole Young (interpretato da Lewis Tan, protagonista della serie Netflix Wu Assassin) ha sempre voluto sapere cosa la sua voglia a forma di dragone significasse. Scoprirà poi di essere uno dei campioni del regno della Terra.
Sarà proprio Jax a spiegarglielo, mentre cercano di scappare da Sub-Zero.

MK1
Cole riesce a scappare ma non possiamo dire lo stesso per Jax.
Infatti durante lo scontro con Sub-Zero gli vengono dapprima congelate le braccia ed infine strappate (Fatality).

Sonya Blade

Cole riesce a raggiungere il contatto di Jax, che si rivelerà essere Sonya Blade. Quando Cole arriva, Sonya ha in custodia Kano che dopo un accordo con Sonya, decide di portare lei e Cole al Tempio di Raiden per iniziare l’addestramento. Qui ogni combattente deve risvegliare il suo “arcana”.

Get Over Here!

Il film riprende finalmente con i combattimenti.

MV5BNzgwNzQ3NzktZmM3Yy00NjkxLTk0MDktOGJkZTk5MzdiMmFmXkEyXkFqcGdeQXVyNzk3NDUzNTc@. V1 FMjpg UX1280

Uno dei combattimenti che i fan aspettano con ansia è Scorpion contro Sub-Zero e a mio parere è uno dei combattimenti più belli di tutto il film.

Mortal Kombat
  • 7/10
    Trama - 7/10
  • 10/10
    Coreografia (Combattimenti) - 10/10
  • 9/10
    Fedeltà alla saga - 9/10
8.7/10

Potrebbero Interessarti