Resident Evil: Infinite Darkness-Recensione

Resident Evil: Infinite Darkness, 6-

Resident Evil non ha sicuramente bisogno di presentazioni, soprattutto dopo gli ultimi anni dove è stato sotto i riflettori grazie a due remake e uno ottavo capitolo recentemente pubblicato. Questa volta però il franchise si arricchisce di una serie tv, creata dalla piattaforma streaming Netflix e Cacpom, stiamo parlando di Resident Evil: Infinite Darkness, che vede protagonisti Leon S.Kennedy e Claire Redfield, nuovamente coinvolti nei problemi riguardanti persone che ritornano dal mondo dei morti. Composta da quattro episodi dalla durata di circa trenta minuti, Infinite Darkness appare altalenante ma comunque indirizzato verso la parte giusta.

C15215AB FE93 42C5 B839 223FC022881A e1626938587640

Un misterioso tentativo di hacking alla Casa Bianca, porta Leon a procedere con l’indagine per capire il motivo della presenza di zombie all’interno dell’Executive Mansion. Dall’altra parte del mondo intanto, Claire Redfield si ritrova nuovamente coinvolta in qualcosa di orrendo dopo aver visto un bizzarro disegno. I due avvenimenti finiranno per essere collegati, portando i due sopravvissuti di Raccon City a lottare nuovamente per sconfiggere un male che sembra non voglia cessare. La trama della serie tv non riesce a essere collegata nel migliore dei modi all’interno della serie videoludica, infatti per quanto sia ambientato tra il quarto e quinto capitolo, alcune cose non sembrano combaciare per bene. L’azione non è il punto forte della serie, cosa che non è sicuramente da prendere come qualcosa di negativo, ma non pensiate di trovare azione e massacri di intere orde di zombie, Infinite Darkness avanza attraverso i dialoghi e riesce sicuramente a creare molto interesse a chi ama la storia dietro a Resident Evil. Nota negativa però è la scelta di rendere in modo palese i nemici che cercheranno di fermare i due protagonisti, togliendo quindi svolte drammatiche o di vero suspence.

Resident Evil

I due protagonisti tornano con le voci che ogni fan ha sentito per tutta la durata del remake uscito per Playstation 4, rendendo quindi Claire e Leon molto più familiari, ma soprattutto mostrando un grosso miglioramento in confronto alle pellicole. Anche i personaggi secondarie dimostrano una buona qualità vocale, ma purtroppo in alcuni momenti finiscono nel ridicolo a causa di alcuni dialoghi davvero senza senso. L’animazione invece appare ben realizzata soltanto per alcuni, infatti se i personaggi principali appaiono quasi perfetti, non si può dire lo stesso per quelli poco principali, dimostrando quindi un lavoro un peletto svolto con pigrizia.

0CFEDE90 CEC5 4D23 874D 6532C33D8976 e1626938645928

In conclusione Resident Evil: Infinite Darkness dimostra di essere sulla buona strada, ma purtroppo per alcune cose non riesce a essere promosso a pieni voti. Sicuramente la lunga attesa e la pubblicazione di soli quattro puntate, potrebbe far storcere il naso a molti spettatori, ma se amate il brand non potete permettervi assolutamente di non guardarlo.

Potrebbero Interessarti