Condividi su facebook
Condividi su twitter

Warzone : secondo quanto riferito, la “perdita” del sistema anti-cheat faceva parte dei test pubblici pianificati

Warzone: Un nuovo rapporto descrive la cosiddetta fuga come nulla di più di parte del lancio controllato

Warzone

Il nuovo software anti-cheat di Call of Duty Warzone sembra essere trapelato, garantendo ai produttori di cheat che desiderano eludere il programma un notevole vantaggio appena un giorno dopo l’annuncio.

L’apparente “perdita” del nuovo anti-cheat a livello di kernel di Call of Duty Warzone è stata vista come inevitabile da Activision, e per giunta relativamente innocua.

Segnalato per la prima volta da Vice e successivamente confermato da Activision, una versione pronta per il rilascio dell’anti-cheat Ricochet di Call of Duty è stata inviata ad alcuni utenti in anticipo per i test. Ciò aiuta gli sviluppatori a identificare in anticipo eventuali bug e a risolverli per garantire un software stabile e affidabile al momento del lancio. Il sistema ora sembra essere nelle mani dei cheaters, ma secondo quanto riferito Activision sapeva benissimo che sarebbe successo e non ne è eccessivamente preoccupata.

“[Il test pubblico] aiuterà le persone che in ogni caso sarebbero in grado di aggirare quella prima versione. Gli imbroglioni meno avanzati sono fregati in entrambi i casi perché non hanno le capacità per combattere nel kernel”, ha detto una fonte su Vice.

Dopo la pubblicazione di questo rapporto, Activision è andato su Twitter e ha confermato che il sistema Ricochet è effettivamente in “test controllato”, spiegando che gli sviluppatori stanno “testando l’inferno [Ricochet]” prima che venga installato sul tuo PC.

I pro dei test pubblici sembrano superare la fuga che sta dando agli imbroglioni un po’ più di tempo per comprendere il software e potenzialmente trovare una soluzione alternativa.

“Ovviamente non vogliono che la comunità dei cheat ottenga l’accesso anticipato al driver, ma succede quasi sempre se fai qualsiasi tipo di test con il pubblico”, ha detto Paul Chamberlain, che ha guidato lo sviluppo del sistema anti-cheat Vanguard di Riot.  “Quindi finché non stavano testando con una versione non pronta per il rilascio (ad esempio una versione non offuscata o una versione con simboli di debug disponibili) l’unico impatto è che gli sviluppatori di cheat ottengono un piccolo vantaggio. Il test è probabilmente più prezioso per Activision rispetto alla segretezza extra.”

 

Annunci

Per rimanere sempre aggiornati, seguiteci sui nostri canali social!

Potrebbero Interessarti

Resident Evil pronto a tornare su Netflix È passato molto tempo dall’ultima notizia riguardante la live action di Resident Evil,