Resident Evil 4 VR-Recensione

Resident Evil 4 VR, RE torna in auge con una nuova veste


Resident Evil è una serie che ormai non ha bisogno assolutamente di essere presentata,
anche perché recentemente si è arricchita con un ottavo capitolo davvero interessante. Sembra però che Capcom abbia un debole per gli antichi episodi, in particolare Resident Evil 4, avventura che vede l’ex poliziotto Leon Scott Kennedy alle prese con una nuova minaccia situata in Europa. Per quanto siano state fatte versioni recenti del titolo, mancava l’esperienza VR, che sicuramente  interesserà davvero a molti giocatori amanti della realtà virtuale proposta da Sony. Resident Evil 4 VR è però riuscito a ottenere un buon risultato?

Resident Evil 4 VR

La trama proposta da questa versione rimane invariata, ma è giusto comunque fare una presentazione a chi invece non ha mai potuto giocare il capitolo. Divenuto ormai un agente speciale al servizio degli Stati Uniti, Leon viene spedito in Europa per cercare la figlia del presidente, ma soprattutto per capire quale sia il reale piano di questa misteriosa setta. L’ex poliziotto scoprirà che dietro a questa nuova minaccia chiamata Plagas c’è in realtà anche l’Umbrella Corporation, la stessa azienda che causò i gravi danni a Raccon City, infatti Albert Wesker continua a tirare i fili da dietro le quinte, mandando un agente speciale familiare per il protagonista.

Resident Evil 4 VR

Passando a parlare della vera novità di questa versione, Capcom ha voluto dare massima attenzione nel creare la giusta esperienza con il visore, non riuscendo però pienamente in determinati punti. Il cambio visuale da terza a prima persona, mette in risalto alcuni problemi grafici non indifferenti, difficili da notare con la telecamera classica del titolo. Il cambio poi obbligatorio durante le cutscene, rompono l’immersione creata dalla realtà virtuale. Con questo non significa che sia un fallimento anzi, ma penso sia corretto far notare prima di tutto i problemi che questa scelta ha creato, per il resto durante l’avventura avrete modo di rimanere colpiti, soprattutto durante gli scontri. Le armi possono essere gestite in due modi distinti, usando la classica ruota dove selezionare gli oggetti o la modalità VR capace di farvi sentire come Rambo, infatti grazie al sistema sarete voi stessi a sfilare le armi dai vari porta oggetti collocati nel corpo di Leon, dando quindi una sensazione molto appagante e realistica. (Qui trovate la recensione di Resident Evil Village) 

Resident Evil 4 VR

Ottimo anche il coordinamento dei movimenti, infatti difficilmente si avvertiranno ritardi nelle vostre azioni, in particolare durante l’apertura delle porte o la soluzione degli enigmi. La colonna sonora, come anche i rumori, sono stati riadattati egregiamente e persino il doppiaggio ha subito un aumento di qualità. In conclusione Resident Evil 4 VR é una bella esperienza per chi in passato ha esplorato i cunicoli oscuri e freddi.

Per chi invece non ha ancora avuto questo piacere, consiglio l’acquisto di Resident Evil 4 VR in un secondo momento.

  • 7.5/10
    Grafica - 7.5/10
  • 8.5/10
    Gameplay - 8.5/10
  • 8/10
    Trama - 8/10
  • 9/10
    Sonoro - 9/10
8.3/10
  • 7.5/10
    Grafica - 7.5/10
  • 8.5/10
    Gameplay - 8.5/10
  • 8/10
    Trama - 8/10
  • 9/10
    Sonoro - 9/10
8.3/10

Potrebbero Interessarti

Uscite DC del 2 Dicembre 2021

Ecco le uscite dei fumetti DC che verranno pubblicati da Panini giovedì 2 Dicembre 2021. Panini Comics festeggia l’80° anniversario