È passato circa un anno dall’uscita di Assassin’s Creed Origins, titolo che ha rilanciato la serie grazie alle novità introdotte, come un sistema di combattimento più tattico e una mappa completamente esplorabile. Ecco quindi che Ubisoft torna all’attacco con Assassin’s Creed Odyssey, il nuovo capitolo ambientato in Grecia che ha ereditato tutto dal suo predecessore, portando però alcuni miglioramenti.
Prima di iniziare voglio avvertirvi che la recensione si baserà sul personaggio maschile, ma come dichiarato da Ubisoft stessa la reale protagonista e Cassandra.  

Assassin’s Creed® Odyssey_20180925235226

potrà vivere l’avventura di un giovane mercenario cresciuto a Cefalonia, che si ritroverà a dover scoprire il suo passato misterioso. La novità più importante inserita in questo capitolo è la possibilità di cambiare il corso dell’avventura attraverso delle scelte, infatti Assassin’s Creed Odyssey avrà finali multipli, cosa del tutto nuova per la saga.

L’ambientazione di gioco sarà incentrata in Grecia e avrà una mappa molto più estesa di Origins. Saremo fin da subito liberi di poter girare a Cefalonia, fino ad arrivare poi, andando avanti con l’avventura, a poterci spostare tra le isole con l’uso di una nave. La mappa sarà composta da caverne, templi, città o antiche rovine, tutte completamente esplorabile. A parte la missione principale, potremo intraprendere vari incarichi secondari che per fortuna non saranno simili tra loro anzi, ognuna ci darà la possibilità di scoprire luoghi segreti. Sarà possibile anche scegliere con chi schierarci nella guerra e avremo il compito di far abbassare la potenza militare distruggendo le scorte e assassinando i generali dell’armata nemica. Abbassato il livello di potenza in una determinata regione ecco che entreremo in azione con l’esercito scelto in una specie di area delimitata, dove lo scopo sarà quello di far scendere la barra vitale dell’esercito avversario.

Concluse le varie sfide che il gioco ci offre potrete ottenere oggetti, equipaggiamento (suddivisi per colore in base alla rarità) e soprattutto l’esperienza per salire di livello, così da ottenere punti abilità da spendere per potenziare il personaggio.
Un altro modo per poter ottenere equipaggiamento è uccidere altri mercenari, che saranno assoldati per ucciderci dopo determinate azioni o scelte. Ogni mercenario, compreso il personaggio, avrà un rango che determinerà la pericolosità. Potrete scegliere di scalare i vari livelli d’importanza, così da ottenere non solo il primo posto come mercenario più forte ma anche equipaggiamenti unici.
Ricordate inoltre di potenziare il vostro arsenale dal fabbro, sacrificando risorse infatti potrete aggiungere abilità all’equipaggiamento.

Un’altra novità introdotta in questo capitolo è la possibilità di avere una nave personale, che potrete migliorare attraverso gli oggetti da raccolta (legno,rame,ferro) per potenziarne la resistenza. Anche l’equipaggio potrà essere potenziato, reclutando personaggi che daranno abilità specifiche. Lo sviluppo del protagonista si suddivide in tre rami diversi: Cacciatore, guerriero e assassino, ed ognuno darà abilità uniche da impostare ad un tasto specifico, che potremo usare in battaglia o durante l’esplorazione.

Il sistema di combattimento invece cambia poco dal precedente capitolo se non per la totale assenza della parata, infatti non sarà possibile usare uno scudo per difendersi, ma si dovrà schivare o contrattaccare al momento giusto. Questa mancanza, per quanto possa apparire strana, permette di dare la giusta sfida nei combattimenti. Mentre spendendo qualche parola per i combattimenti navali posso dire che i comandi saranno semplici e intuitivi. La grafica si presenta in modo perfetto e per quanto sia normale qualche piccolo problema ogni tanto, riuscirà davvero a stupire, soprattutto per i meravigliosi paesaggi che potrete osservare da punti specifici, inoltre se siete amanti della fotografia non dimenticate di scattare qualche foto.

In conclusione Assassin’s Creed Odyssey riesce ad aggiudicarsi il titolo come miglior gioco dell’intera serie, grazie alle novità che aggiunge alle già qualità ereditate da Origins. Non sarà difficile rimanere affascinati, soprattutto grazie alla immensa ambientazione che il titolo ci offre.

 

8.6

Trama

8.0/10

Gameplay

8.5/10

Contenuti

9.0/10

Grafica

9.0/10

Pros

  • Tanti contenuti
  • Ambientazione immensa

Cons

  • La scelta del sesso poteva influire di più
  • Qualche errore grafico

Sono un ragazzo con un obiettivo preciso, crescere nel mondo videoludico e portare la mia redazione al successo. Ci sarebbe molto da dire su di me, ma è meglio che siate voi a scoprire chi sono.

Rispondi