Eccoci qui nuovamente insieme a recensire un altro gioco per PlayStation VR. Parliamo di Bravo Team. Gioco in esclusiva per PlayStation 4 sviluppato dai ragazzi di Supermassive Games, già autori di ottimi titoli per realtà virtuale come Rush of Blood. Questa volta il team di sviluppo si allontana dalle atmosfere lugubri ed horror di Until Dawn per immergersi in un contesto militare realistico. Saremo uno dei due operatori rimasti coinvolti in una situazione intricata in una città fittizia dell’est Europa, dalla quale dobbiamo assolutamente uscire.

Il gioco è uno sparatutto in prima persona tattico, per capirci meglio si tratta sostanzialmente di una evoluzione dei vecchi cabinati con pistola per sale giochi, tipo Time Crisis.

– Storia

Il gioco parte con un breve filmato nel quale ci viene spiegata la nostra missione. Dobbiamo scortare il presidente della nazione verso una zona sicura in quanto la città è in preda alla guerra civile. Ovviamente le cose volgono al peggio. Il nostro bersaglio viene rapito ed in un lampo di ci troveremo a lottare per la nostra sopravvivenza contro orde di miliziani.

– Game-Play

Il gioco è pensato per Playstation Aim, un fucile ideato per i giochi in VR. Fortunatamente si può completare anche con il DualShock o con i pratici Move. Un consiglio dal vostro Sensei. Prima di iniziare il gioco affrontate il Tutorial, qui proposto come capitolo a sé stante, altrimenti nessuno vi spiegherà i comandi. Fatta questa doverosa premessa, parliamo del titolo. Grazie ad un semplice, ma ogni tanto impreciso, sistema di puntamento, potremo decidere dove posizionarci per ottenere la copertura migliore sulla zona di combattimento. Il movimento inoltre, è migliorato dalla realtà virtuale, permettendoci di abbassarci, alzarci e sporgerci dalle coperture in modo da individuare al meglio i nemici ed abbatterli. Il sistema di mira è molto semplice e preciso. Basta allineare la propria visuale con quella del mirino per far comparire il reticolo dove prendere la mira. Inoltre ci sono momenti, come la sezione di cecchinaggio, davvero superbi.

Durante la fase di gioco potremo controllare solo 1 dei due agenti. Il nostro compagno sarà controllato dalla CPU oppure da un altro giocatore. Devo dire che il gioco da il meglio di sé quando entrambi i soldati sono controllati da 2 persone. Infatti se si gioca da soli con l’aiuto della IA il gioco procede molto lentamente passando da una copertura all’altra senza nessuna strategia. Al contrario in 2 si possono attuare molte più tattiche per abbattere i nemici che si parano davanti (o anche alle spalle). Su questo, Supermassive Games ha davvero stupito.  Non ho mai avuto veri problemi con i sensori di movimento, al massimo qualche ricalibrazione ma nulla che incida in maniera negativa.

– Gioco VR perfetto ?

Bravo Team nonostante le sue evidenti qualità non riesce a spiccare nel parco titoli dei giochi in VR. In primis, l’immersività. Appena ho guardato il filmato introduttivo ho pensato tra me e me “Uao!”. Questo pensiero purtroppo non è tornato molte volte durante il game-play. Questa sensazione di essere all’interno del gioco, con l’inizio dell’avventura, si perde. Gradualmente ci abituiamo all’esperienza senza mai esserne veramente circondanti. Credo che questo sia dovuto anche all’ambientazione. Una riproposizione fedele di una città in stato di guerriglia urbana non aiuta a far sognare. Gli ambienti realistici che dovevano migliorare l’esperienza invece hanno sortito l’effetto contrario. I colori risultano spesso spenti e monotoni, l’architettura della città è poco ispirata. Dulcis in fundo, come ciliegina sulla torta parliamo della longevità. Il grande tallone d’Achille dei giochi in VR. Il gioco si può completare in sole 3 ore. Veramente troppo breve.

– In conclusione

Bravo Team non riesce a spiccare nel parco titoli per PlayStation VR, pur trattandosi di un’esclusiva di quella periferica. Il gioco di per sé è uno sparatutto tattico, molto interessante se giocato in coppia. Il titolo riesce a regalare delle belle ore di gioco senza nessuna sensazione di nausea. Purtroppo queste ore di gioco sono veramente poche ed il titolo non si presta ad essere rigiocato (al massimo si può innalzare la difficoltà e ricominciare la partita). Inoltre l’immersività seppur buona, non riesce a sorprendere, colpevole forse l’ambientazione un po’ monotona. Bravo Team a mio avviso è una piccola perla mancata. Sarebbe bastata l’aggiunta di qualche altro livello con una varierà maggiore di armi per farlo entrare di diritto nell’olimpo dei giochi VR.

Sito Ufficiale Bravo Team

Clicca QUI per l’articolo precedente sui giochi in VR

Se vi è piaciuta la recensione vi invito a restare per scoprire tante News sul mondo dei Videogiochi. -Sensei

Vi ricordo i nostri canali principali ai quali è possibile iscriversi:

https://www.facebook.com/QuestNews.it/

https://www.youtube.com/channel/UCdfKWloFbpnfCK3-GVJg-Nw

0.00
7.2

Grafica

7.0/10

Contenuti

7.0/10

Difficoltà

7.5/10

Sonoro

8.0/10

Trama

6.5/10

Pros

  • Sparatutto tattico impegnativo
  • Ottimo se giocato con un Amico

Cons

  • Ambieti Troppo Monotoni
  • Davvero Troppo Corto

I videogame sono la mia passione fin dalla più tenera età. Cerco costantemente il divertimento e lo svago che solo questo prodotto può creare. Con questo ardente desidero spero di contagiare tutti voi.

Rispondi