Dark Souls Remastered sta per tornare e voglio raccontarvi la mia piccola prova.

From Software ha messo a disposizione a tutti i possessori di Playstation 4 e Xbox One la possibilità di provare in anteprima “Dark Souls Remastered”  ci riferiamo ovviamente alla remastered del primo Dark Souls, titolo che generò quel sotto genere chiamato oggi “Souls-Like” a cui fino ad oggi si sono ispirati altri titoli come “Salt and Sanctuary”, Lords Of The Fallen”, “Nioh”,”The Surge” e “Code Vein“.

 

Cosa porterà la rispolverata di questo titolo uscito originariamente nel 2011 ?

Senz’altro si prevede un ritorno al passato per tutti gli appassionati e proprio per questo, per garantire un’esperienza positiva ed unica agli utenti, dal giorno 2 maggio 2018 fino all’8 del medesimo mese, era possibile scaricare dai rispettivi store il Network Test per testare i server del titolo.

La prova si è già svolta nella giornata di ieri e continuerà anche oggi, dalle ore 18:00 fino alle 24:00.

Sono riuscito quindi a provare il titolo ed ecco a voi le mie personali impressioni.

Ebbene una volta avviato il titolo la demo ci permette di scegliere tra alcune “classi” preimpostate, tra queste ovviamente abbiamo il classico guerriero, poi il mago ed altre,spicca la classe “The Warrior of Sunlight” per tutti gli amici di Solaire che ci permette di avere il set completo di quest’ultimo e la possibilità di utilizzare il miracolo “Lancia del fulmine”.

Ovviamente mi butto nella mischia scegliendo quest’ultima classe, non posso resistire al fascino di impersonare “Solaire Of Astora”.

Una volta aperte le danze la demo materializza il giocatore nel “Borgo dei non morti“, esattamente dopo il ponte della “carissima” amica viverna.

Gli utenti più attenti ricorderanno che era lo stage giocabile durante la demo originale di Dark Souls nell’E3 del 2011.

Subito si notano i molti segni di invocazione da parte degli altri giocatori, nemmeno il tempo di dire “wow” e vengo invaso e come volevasi dimostrare vengo falciato in due, infatti è possibile percepire immediatamente chi sia un giocatore esperto e chi no (semplice: quelli “forti” sono nudi, sì NUDI).

Dopo essere stato falciato allegramente, decido di muovermi sulla mappa e dopo aver fatto fuori un po’ di mob e il cinghialotto metallico continuo dirigendomi verso la chiesa, non è possibile andare verso il fabbro Andre poiché vi è una specifica nebbia che blocca l’accesso al giocatore, lo stesso vale per lo “shortcut” (scorciatoia) che porta al “Santuario del legame del fuoco“, ovviamente queste limitazioni ci sono proprio perché si tratta di una demo.

Dentro la chiesa ecco i nostri “amici”  cavalieri di Balder e soprattutto il pompatissimo “Cavaliere di Berenick” dopo aver fatto fuori quest’ultimo a suon di lance del fulmine mi dirigo a gran velocità al piano superiore, il mio obiettivo era capire esattamente l’estensione di questo network test, mi dirigo quindi a gran velocità verso i boss dell’area che sono i “Gargoyles del campanile“.

Dopo averli tirati giù con qualche imprecazione salgo sul campanile e suono la campana.

 

Qui finisce il Network Test di Dark Souls Remastered, una schermata invita l’utente ad acquistare la remastered o a rigiocare la sezione.

Dopo avervi narrato le mie gesta decido di riaprire le danze scegliendo la classe “Cavaliere Nero” che mi materializzava con tutto il set del cavaliere nero, subito noto come sia la classe OP (over power) di questa demo, con quest’armatura super resistente i mob mi facevano il solletico.

Scopo di questo mio secondo giro e focalizzarmi sull’aspetto tecnico di questa remastered, iniziamo.

Innanzitutto ho provato il tutto su Playstation 4 Pro, la prima cosa fondamentale è che il framerate è ancorato ai 60 fps, la differenza rispetto al passato si sente eccome soprattuto per chi ha giocato su console (Città infame, sì sapete bene di cosa parlo).

Il tutto con una risoluzione nativa a 1080p ma ovviamente il tutto sarà upscalabile a 4K sia su PS4 Pro che su Xbox One X.

Con riguardo alle texture e all’illuminazione il lavoro da parte del team c’è stato si nota subito una maggior definizione su schermo.

Menzione di riguardo va anche al corpo nel nostro pg, le armature e l’equipaggiamento in generale che godono di un maggior dettaglio permettendo di osservarne le particolarità.

Alcuni elementi sono stati rielaborati da zero ad esempio il fuoco e l’alone che avvolge i drop presenti sui cadaveri, piccoli dettagli che senz’altro fanno piacere e spiccano all’occhio di un giocatore.

Però non tutto è stato “ritoccato”  a volte si notano le differenze qualitative in alcune pareti e pavimenti delle varie strutture oppure i fondali delle ambientazioni che a mio parere sono rimasti praticamente identici alle versioni originali.

Infine le mie considerazioni personali, Dark Souls Remastered sarà un ritorno al passato, chi è fan della saga non può esimersi dall’acquisto del titolo, almeno per quanto riguarda le versioni console (prezzo: 39,99 €)

Ci sarà una rinascita mondiale della community, nuovi non morti si uniranno a noi nel viaggio verso Lordran.

Vi ricordo che Dark souls Remastered uscirà a breve ovvero il 24 maggio per Playstation 4, Xbox One e PC, la versione Nintendo Switch è prevista per questa estate.

Grazie per la lettetura e la vostra attenzione, se volete dare un’occhiata al mio sito cliccate qui.

 

 

Laureato in Economia Aziendale, da sempre appassionato di videogiochi e di tutto quello che ruota attorno al mondo videoludico, la mia esperienza in questo campo cresce attraverso le generazioni di console che si sono susseguite a partire dal mio primo amore ovvero la “Super Nintendo” fino ai nostri giorni con gli ultimi hardware disponibili.

Qui il mio sito web : https://egoandrea.wordpress.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *