Finalmente vi presentiamo la nostra recensione in anteprima dell’ undicesimo capitolo di Dragon Quest XI. Ricordiamo che il titolo non è ancora disponibile in occidente e il gioco è stato completato e giocato totalmente in giapponese per potervi portare il nostro parere. Purtroppo non abbiamo ancora testato bene il titolo sulla console portatile Nintendo 3ds e quindi non abbiamo molto da dire su questa versione.

Il villaggio di Ishi è un luogo dove la successione  all’ età adulta avviene attreverso un rito di passaggio. Il nostro eroe, dopo aver compiuto sedici anni, è pronto a raggiungere la cima della grande montagna. Con l’aiuto di Ema, amica d’infanzia, riescono a raggiungere la cima e il protagonista, dopo un avvenimento inaspettato, scatena un misterioso potere. Tornati al villaggio l’eroe scopre di essere il discendete di un giovane guerriero che salvò il mondo. Con molte domande e uno strano simbolo sulla mano, l’eroe parte verso una grande avventura, dove incontrerà moltissimi alleati e pericolose figure. Come in ogni Dragon Quest che si rispetti, anche qui il protagonista avrà il nome scelto dal giocatore, mentre per quanto riguarda la caratterizzazione dei personaggi, possiamo dire che Akira Toryama tende a creare protagonisti con poca fantasia, infatti sarà molto facile notare vari e somiglianze con altri personaggi appartenenti ad opere create sempre dallo stesso Toryama.

Il mondo di gioco, chiamato Rotozetasia, sarà completamente esplorabile. Avrete davanti un mondo totalmente open world che, proseguendo con l’avventura, potrete esplorare con molti oggetti di trasporto o al galoppo di draghi fantastici. Parlando proprio di trasporto, fin dall’ inizio dell’ avventura, avrete la possibilità di salire in groppa al vostro cavallo, che potrete chiamare con un apposito strumento a forma di campana situato in vari luoghi della mappaLa grafica in questo undicesimo capitolo raggiunge la perfezione, anche se cartoonesca riesce a dare al giocatore grandi soddisfazioni, con i bellissimi paesaggi che scoprirete a poco a poco.

I nemici saranno ben visibili in questo capitolo e potremo decidere di evitarli oppure scontrarci. I mostri saranno i classici della serie come Slime, Corniglio, Colosso e Vampistrello, ma ci saranno anche new entry che preferiamo non svelarvi. Il sistema di combattimento avrà una grande svolta, come il decimo capitolo, anche qui durante gli scontri sarete all’ interno di una area delimitata da un cerchio blu, dove al suo interno potrete spostarvi e decidere quali azioni far fare ai vostri pg. Il menù di battaglia invece rimane invariato, avremo infatti i soliti comandi come attacco, magie e fuggi, ma sopratutto il comando tattica, che servirà per far fare azioni in automatico decise poco prima da voi. Lo sviluppo verrà svolto attraverso i punti abilità, che potremo assegnare per aumentare le capacità con un arma in particolare e acquisire varie tecniche o magie. Salendo sempre di livello, i pg aumenteranno le loro statistiche e apprenderanno abilità uniche. Anche il sistema di equipaggiamento rimane simile a tutta la saga, sarà infatti possibile impostare diverse armi come spade a due mani o una mano, bastoni e archi, mentre gli equipaggiamenti che potremo far indossare sono elmi, busti, scudi e vari accessori, acquistabili negli empori oppure trovandoli  sparsi nel mondo

La colonna sonora in questo capitolo, come in tutta la saga, ha diritto di essere elogiata moltissimo. Kōichi Sugiyama, compositore di tutta la saga Dragon Quest è stato ed é ancora tutt’ora, una fonte d’ispirazione per i vari compositori del settore videoludico come Nobue Uematsu,il quale si riferisce molto spesso a lui con il nomignolo di Big Boss della musica dei videogiochi.
In conclusione Dragon Quest XI: Echoes of an Elusive Age, è un capitolo pronto a conquistare i fan della saga e grazie alla pubblciazione su Playstation 4, secondo titolo della serie a sbarcare su console fissa dopo Dragon Quest VIII, riuscirà a raggiungere un maggiore pubblico, così da poter fare appassionare anche chi non si è mai avvicinato ad un titolo della saga. Per ora non abbiamo modo di dirvi quando uscirà in occidente, però possiamo dirvi che in Giappone ha letteralmente conquistato la cima delle classifiche di vendita, vendendo solo il mese di Agosto ben 500.000 copie la versione ps4 e 320.000 la versione 3ds.

Sono un ragazzo con un obiettivo preciso, crescere nel mondo videoludico e portare la mia redazione al successo. Ci sarebbe molto da dire su di me, ma è meglio che siate voi a scoprire chi sono.