Quest’oggi per la rubrica Sensei Consiglia voglio parlarvi di un anime. Come avrete già intuito dal titolo si tratta di Goblin Slayer.

Premetto subito una cosa. Ho visionato solo la prima puntata. Non sono andato oltre (almeno per il momento) e non ho assolutamente letto il manga né tanto meno le novel da cui è tratto.

Oggi sono qui per parlarvi a cuore aperto di un prodotto che mi ha piacevolmente impressionato. Ovviamente c’è un SPOILER ALERT grosso quanto una casa in quanto parlerò della trama. Quindi se non volete anticipazioni non andate oltre e gustatevi solo il trailer.

Se siete arrivati fin qui è il momento di iniziare. Procediamo con ordine.

Tutte le vicende si svolgono in un mondo fantasy. In questo universo troviamo delle associazioni dette gilde nelle quali avventurieri posso accettare incarichi più o meno pericolosi. Qui troviamo una giovane sacerdotessa alle prime armi, di grado porcellana chiamata Onna Shinkan. Visto che è il suo primo impiego si unisce con un gruppo di avventurieri, anche essi alle prime armi, per affrontare una “quest” semplice . La missione consiste nel liberare delle donne rapite dai Goblin. Fin qui nulla di nuovo sotto il sole. Anzi risulta addirittura una trama banale vista e rivista. Però il bello deve appena arrivare. Il vero twist narrativo deve ancora accadere.

La missione almeno sulla carta risulta molto facile in quanto un singolo Goblin non rappresenta un problema per un uomo armato. Però il nostro gruppo di avventurieri si addentra nella tana dei mostri senza la dovuta preparazione. Senza alcun preavviso come una bastonata sui denti Goblin Slayer vi colpisce con tutta la sua brutalità. Il gruppo appena formato viene letteralmente trucidato sotto i nostri occhi increduli. Io sono rimasto basito. Una scena simile non me la sarei mai aspettata. Lo spadaccino ci lascia subito così come la maga (sinceramente non ricordo i loro nomi non che servano visto che sono schiattati subito). La guerriera invece fa una fine peggiore. Oltre ad essere selvaggiamente picchiata viene addirittura violentata, tutto sotto gli occhi impotenti di Onna. La fine per la nostra sacerdotessa sembra inevitabile.

Mentre nel nostro cuore ci prepariamo per il colpo di grazia finale arriva in suo soccorso un cavaliere. Il quale con una abilità nella scherma fuori dal comune e con una freddezza quasi non umana riesce a risolvere la situazione portando in salvo la sacerdotessa e tutte le donne rapite. Questo spadaccino è più freddo dell’acciaio stesso. Non si ferma davanti a nulla. Neppure quando trova in una stanza dei cuccioli di Goblin. Anche loro sono mostri che vanno eliminati. Lui è il guerriero chiamato Goblin Slayer.

Qui si conclude la prima puntata (l’unica al momento da me visionata) di  Goblin Slayer. L’anime ha una crudeltà e un realismo fuori dal comune. Il freddo cinismo unito all’abilità con la spada del Goblin Slayer mi hanno ricordato per certi versi il guerriero nero Gatsu. I due prodotti hanno sicuramente molti punti di contatto. Per capirci meglio l’influenza di Berserk in Goblin Slayer c’è e si sente.

Spero vivamente che l’anime anche nelle prossime puntate sia di questo livello. Sia per le tematiche trattate sia per il contenuto.

Ovviamente consiglio la visione a tutti. Per chi ha lo stomaco o il cuore un po’ deboli magari no…

Forse Goblin Slayer è il degno successore spirituale di Berserk ?

Intanto clicco sulla seconda puntata e vi farò sapere…

Se vi è piaciuto l’articolo restante con noi per scoprire tante e divertenti News sul mondo dei Videogiochi. -Sensei

Vi ricordo i nostri canali principali ai quali è possibile iscriversi:

Facebook

YouTube

Clicca QUI per l’articolo precedente


Di seguito tutti i canali sui quali potete seguirci per restare sempre aggiornati con QuestNews.it:


Pagina ufficiale Facebook

Canale YouTube ufficiale

Canale ufficiale Telegram QuestNews

Gruppo ufficiale Telegram QuestNews (Videogiochi)

Gruppo ufficiale Telegram Quest News (Fumetti, libri, animazione e serie TV)

I videogame sono la mia passione fin dalla più tenera età. Cerco costantemente il divertimento e lo svago che solo questo prodotto può creare. Con questo ardente desidero spero di contagiare tutti voi.

Rispondi