L’INCONTRO TRA FUMETTO E LIBERTÀ ARTISTICA

Quando il tema “Artistico” incontra il fumetto, in particolare quello di origine giapponese, emergono sempre vari argomenti e dettagli, solitamente trascurabili.
Oggi, nel dettaglio, parliamo di Gokusai, manga scritto e disegnato dall’autore Tetsuya Saruwatari (già conosciuto in Italia per altre opere come ad esempio Tough).

Il fumetto seppur breve (4 volumi), analizza in modo decisamente particolare il mondo dell’arte, non solo come forma d’espressione, riuscendo anche se non con metodi convenzionali, a porre l’attenzione su una sorta di libertà “artistica”.

 

Uno dei due protagonisti di Gokusai, Jô Karaba

UNO SGUARDO ALLA TRAMA…

Riro/Rilo Yuto, è una studentessa dell’accademia di belle arti. Nonostante la giovane età di 19 anni, all’inizio di tutta la storia, si troverà in una situazione di crisi artistica, senza alcuna idea (chiamiamolo blocco dell’artista).
Durante un evento del tutto casuale ed inaspettato (ovvero una rapina), Rilo ha l’opportunità di incontrare Jô Karaba, un ragazzo dotato di straordinarie doti artistiche che vanno ben oltre la semplice espressione, e che porteranno quindi la ragazza a scoprire nuove sponde della sua passione ed a superare il suo “blocco”.
Jô Karaba grazie alla sua tecnica di disegno, riesce anche a copiare opere d’autore, emulando anche stile e tocco dell’autore originale, ovvero i dettagli che distinguono un falso dall’autentico (Quest’abilità di , influenzerà parte della storia, e si ricollegherà al passato burrascoso del personaggio).
I due protagonisti saranno da subito in sintonia, passando da semplici discorsi tra amici, fino alla decisione di iscriversi all’accademia Tenshin, un’istituto severo, duro e con un arduo percorso formativo, che porta inevitabilmente chi riesce a superarlo, a diventare un’artista di un certo successo.

I due protagonisti (Rilo/Riro e Jô)

Non andrò ad accennare altri dettagli sulla trama, considerando anche la longevità del fumetto in questione.

IL DISEGNO E L’ARTE

Creare un manga sull’arte è sicuramente qualcosa di insolito e particolare, ma in alcuni casi, lo stile dell’autore può rappresentare e diversificare allo stesso momento, quello che nel fumetto è la “realtà” e quello che deve essere “finzione”.
Per finzione, si intendono tutte le scene nelle quali il maestro Tetsuya Saruwatari deve disegnare una rappresentazione artistica di un dipinto realmente esistente, e che non si confonda con il suo stile che delinea il resto delle tavole.

In Gokusai l’arte è quindi il tema principale e su questo nessun dubbio, ma non è solamente quello, in quanto per i due protagonisti va ben oltre la semplice passione, e passa avanti come un obiettivo per la vita, l’unico fattore importante.

Le tecniche per realizzare un dipinto vengono descritte nei minimi dettagli, ed inoltre, si ha la possibilità di venire a conoscenza di retroscena riguardanti alcuni grandi artisti, che nel marasma di informazioni possono risultare nuove ed interessanti.L’opera è intrigante, riesce ad attrarre facilmente chi già appassionato di pittura, disegno e quant’altro di simile.
Similarmente, anche chi non ha mai mostrato particolare interesse per l’arte, potrebbe gradire il tutto, e magari anche far nascere nuovi desideri e passioni.

 

In Italia Gokusai è edito da Planet Manga e disponibile al prezzo di 4.50 per singolo volume.

Yo!
Mi presento brevemente, Il mio nome è Giuseppe Territo.
Sono un amante della “trama” rappresentata dai vari media, che sia di un film, un videogioco oppure un libro o un fumetto, con una storia ben realizzata un pò di tutto può attirare la mia attenzione.

Rispondi