Blizzard sta sicuramente attraversando uno dei suoi periodi più difficili e una delle questioni più problematiche è decisamente la situazione di Heroes of the Storm, il MOBA che unisce tutti gli universi della casa di sviluppo americana.

Infatti il titolo continua a rimanere il terzo se non il quarto MOBA più seguito dietro ovviamente a DOTA 2, League of legends e Smite. Vista la concentrazione sull’uscita di diversi nuovi titoli, la casa di sviluppo forse anche dietro pressione di Activision ha richiesto un taglio di costi interni. A quanto pare il titolo che riceverà per primo questi tagli sarà, sfortunamente per i suoi giocatori, proprio Heroes of the Storm. Nonostante comunque il gioco continuerà a ricevere update ed aggiornamenti, Blizzard ha deciso di chiudere il lato eSports, cancellando la lega e di conseguenza facendo perdere il lavoro a tantissime persone; basti pensare soltanto a cosa ruota attorno ad una lega competitiva, seppur piccola, per capire l’impatto che una decisione del genere può avere.

Il gioco infatti contava più di 200 giocatori professionisti oltre a streamers, casters, allenatori e quant’altro, molti dei quali venivano proprio stipendiati da Blizzard stessa. Le polemiche dopo questa decisione non sono infatti mancate. Oltre al problema, assolutamente non secondario, delle molte persone che non avranno più un lavoro le proteste sono state indirizzate anche ai modi con cui questa scelta è stata comunicata, ovvero un semplice comunicato rilasciato tra i social media.

Significa quindi che gli eventi competitivi già previsti per il 2019 saranno cancellati. Tutto ciò arriva tra l’altro soltanto un mese dopo l’annuncio di un nuovo personaggio totalmente inedito alla BlizzCon, Orphea.

Che ne pensate? Continuano le polemiche in casa Blizzard dopo l’annuncio di Diablo Immortal

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *