Se la tecnologia ci porta sempre più in alto, sempre più in là con le possibilità nella vita di tutti i
giorni, anche nel mondo dei videogiochi non si è risparmiata e ci ha regalato grandi emozioni
anche se solo a metà anno. Il mondo del gaming infatti si sta espandendo ed evolvendo in un
modo incredibile: siamo passati da ritenerlo una cosa per nerd e ragazzi timidi, ad un successo
mondiale che è entrato in tutte le nostre case, con le console più economiche prima, e con i
giochi mobile dopo. Alzi la mano infatti chi non ha provato almeno una volta un videogioco!

I dispositivi mobili hanno effettivamente cambiato il concetto di videogioco, portando ad essere
veloce, immediato, con sfide e ricompense date a giocatori connessi in tutto il mondo che si
sfidano attraverso piattaforme social e non solo. Questa modalità ha portato i giochi nelle mani
di tutti e ha anche rivisto le regole di mercato per le grandi aziende produttrici di videogiochi. I
giochi per mobile infatti sono stati i più redditizi, superando di molto i giochi per console e PC.

Ma non solo mobile. Il mondo dei videogiochi si è spostato sempre più verso l’online, con giochi
e console sempre più connessi alla rete. Ne è l’esempio principale l’uscita di Stadia, la
piattaforma di cloud gaming annunciata da Google. Stadia promette di rivoluzionare il mondo
dei videogiochi in quanto sarà necessario disporre solo di un dispositivo e di una connessione
ad internet. Dopodiché potrete far partire un gioco persino da un video YouTube. Naturalmente
la risposta dei colossi del gaming non si è fatta attendere: Microsoft ha infatti rilasciato la Xbox
One S All-Digital edition. Ovvero, un Xbox che non necessità di disco e dunque costantemente
connessa ad internet. C’è però che è titubante di fronte a questo successo dell’online gaming.
Non tutti infatti possono accedere a connessioni veloci, come la fibra. Purtroppo, come anche
molti di noi italiani sanno, in alcune aree le infrastrutture tecnologiche non sono ancora
adeguate al mondo che si evolve. Certo, si possono usare trucchi e strumenti per migliorare e
stabilizzare la linea, come le connessioni VPN, ma sicuramente c’è ancora molto lavoro da fare
per rendere la linea internet ottimale per il gioco.

Oltre al cloud gaming però il mondo dei videogiochi sta puntando anche in un’altra direzione: il
retrogaming. Ovvero la passione per tutti quei giochi che hanno fatto la storia dei videogiochi
usciti tra gli anni ’80 e ’90. Oltre alla caccia a vecchie console e cassette, sono uscite anche
piattaforme online che ripropongono – in cloud appunto – i vecchi titoli delle prime console e
computer.

A completare il quadro poi ci aggiungiamo realtà aumentata e VR, due innovazione
tecnologiche molto discusse ultimamente, e i dettagli grafici e la potenza dei processori che
stanno portando il gaming a livelli sempre più alti. Insomma possiamo star sicuri che il futuro dei
videogiochi sarà brillante e pieno di novità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *