Tutti conosciamo le enormi potenzialità del cinema Italiano. Attori stellari, registi superlativi. Nonostante questo quel che emerge maggiormente nelle sale cinematografiche sono cinepanettoni, commedie di poco conto, rimontaggi delle “migliori” scene dei passati cinepanettoni spacciati come film nuovi. La colpa è anche dello spettatore che spesso si accontenta e che non conosce “l’altro”. Per fortuna qualcuno porta alta la bandiera del cinema italiano. Tra questi vi è Gabriele Salvatores, ora al cinema con “Il Ragazzo Invisibile: Seconda Generazione” secondo capitolo de “Il Ragazzo Invisibile”. Quest’ultimo, che lo abbiate apprezzato o meno, è innegabile che ha rappresentato (e rappresenta ancora) la voglia creatrice e un incredibile coraggio. Ho avuto la possibilità di fare qualche domanda a Ludovico Girardello, il protagonista di questi due film. Buona lettura.

Chi sei e che lavoro fai?

Mi chiamo Ludovico Girardello e sono un attore.

Cosa hai studiato/studi (superiori e/o università)?

Studio al liceo delle scienze umane di Belluno.


Il Ragazzo Invisibile. Cosa rappresenta per te questo film?

Questo film rappresenta un grande inizio per me. Uno starting point vero e proprio per me e il cinema italiano.
Lo reputi un progetto totalmente riuscito?

Sì, lo reputo un progetto riuscito in pieno e ne vado fiero.

Il Ragazzo Invisibile rappresenta un incredibile prova di coraggio nel mondo cinematografico italiano, ma non è piaciuto a tutti. Cosa diresti, compreso a chi non è rimasto pienamente soddisfatto dal primo film, per far andare a vedere al cinema “Il Ragazzo Invisibile: Seconda Generazione”?

Il Ragazzo invisibile è stato un esperimento per il nostro cinema e siamo tutti consci che si possa sempre migliorare. Sono sicuro che “Il Ragazzo Invisibile: Seconda Generazione” piacerà di più per la qualità degli effetti speciali e per la totale differenza dal primo film. Questo sequel è molto più cupo, più scuro… e più logoro nell’animo. Fidatevi!

Il Ragazzo Invisibile: Seconda Generazione. Ti senti migliorato sia dal punto di vista attoriale che caratteriale?

Mi sento certamente migliorato dal punto di vista della recitazione. Caratterialmente resto ancora molto testardo, ma sereno.

Il tuo film preferito? Perchè è tale?

Il mio film preferito è “Frankenstein Junior” di Mel Brooks. Non ci deve essere per forza un perché…mi piace vederlo.

Il tuo registra preferito? Il tuo attore/attrice preferito/a?

Il mio regista preferito è senza dubbio Quentin Tarantino, mentre l’attore che prediligo è Samuel L. Jackson.

Hai altre passioni al di fuori della recitazione? Se sì, quali?

Si ho altre passioni al di fuori della recitazione: la scrittura e la danza.

Un consiglio per chiunque voglia intraprendere una carriera attoriale?

Buttatevi senza vergogna e non preoccupatevi di aver paura, è perfettamente comprensibile. Non dimenticate di divertirvi sempre e qualcosa di bello accadrà.

Ringrazio infinitamente Ludovico per il tempo che mi ha concesso. Mi raccomando, fatevi un favore e fate un favore al cinema italiano: guardate “Il Ragazzo Invisibile: Seconda Generazione” (al cinema dal 4 gennaio 2018).

-Michael Giargia


Di seguito tutti i canali sui quali potete seguirci per restare sempre aggiornati con QuestNews.it:


Pagina ufficiale Facebook

Canale YouTube ufficiale

Canale ufficiale Telegram QuestNews

Gruppo ufficiale Telegram QuestNews (Videogiochi)

Gruppo ufficiale Telegram Quest News (Fumetti, libri, animazione e serie TV)

Appassionato di fumetti, serie tv e cinema.

Rispondi