Vi dò il benvenuto!

Come da titolo, andrò a raccontarvi quali sono i miei 10 manga preferiti premettendo che è stato parecchio ostico farne una classifica raggruppandone una minima parte.

Non mi dilungo ulteriormente e vi auguro una buona lettura

Numero 10: Naruto

Immagine correlata

Alla posizione più “bassa” della classifica, ho deciso di posizionare Naruto perchè è stato uno dei miei primi manga letti e a cui sono più affezionato.

Le avventure del ninja biondo per diventare Hokage mi hanno accompagnato per ben 72 volumi densi di emozioni, lacrime, battaglie, redenzioni, amicizia, amore verso il prossimo. Queste sono solo alcuni valori dell’opera di Kishimoto che se avesse curato meglio l’ultima saga, non avrei negato di  metterlo più in alto.

Per un approfondimento dettagliato, vi lascio il link della recensione https://questnews.it/mini-recensione-naruto-il-declino-di-un-manga-eccezionale/

Numero 9: 20th Century Boys

Proseguiamo con un’opera di un mangaka che amo alla follia: sto parlando di 20th century boys del grande Naoki Urasawa.

Per chi non sapesse chi sia (impensabile), Urasawa è noto ai più per la stesura di storie complesse legate tutte da delle sottotrame che pian piano si ricongiungono a quella principale. Inutile quindi dire che predilige il target seinen.

L’autore, essendo amante della fantascienza, ha creato in 24 volumi (a cui si aggiungono gli ultimi 2 volumi di 21st century boys rappresentanti il finale puro dell’opera) qualcosa di assurdo: sia per la quantità spropositata di idee messe su carta e di colpi di scena. Non vi nego l’emozione di leggere il prossimo volume per vedere cosa sarebbe accaduto e il merito va tutto al mangaka nel suo obiettivo di tenere le aspettative elevate.  Ma 20th century boys di cosa parla?

Raccontarvi la trama è abbastanza difficile, sia per la quantità che per il rischio di farvi spoiler ma cercherò di dire solo l’essenziale.

sei ragazzi nell’anno 1969 costruiscono e danno “vita” a un nascondiglio collocato in un campo da usare come base segreta non solo per nascondersi, ma anche per ascoltare musica, scambiare riviste e manga.

Per commemorare la base, Occio, uno dei ragazzi, traccia un simbolo raffigurante una mano e un occhio (rimanda alla loro amicizia) . Inoltre tramite un romanzo  che chiameranno Libro delle profezie i 6 ragazzi immaginano e trascrivono sul libro  un futuro catastrofico dove una setta dalle origini misteriose architetta di distruggere il mondo nel capodanno dell’anno 2000.

Passano circa 30 anni e il leader di allora di nome Kenji lavora in un supermarket dove vive con la madre e la figlia di sua sorella scomparsa misteriosamente. Dopo un tragico evento, si viene a sapere di una setta comandata da un leader con il volto mascherato dal nome “l’amico” che si avvale dello stesso simbolo dei ragazzi usato anni prima e realizzando tutti gli avvenimenti descritti nel libro delle profezie: toccherà a Kenji radunare tutti gli amici di allora per fermare l’amico prima che sia troppo tardi. Chi si nasconde sotto l’identità dell‘amico? Riusciranno Kenji e compagnia a sventare il suo piano?

20th century boys rimane in nona posizione per una piega che prende dopo il 12 volume ove personalmente non ho gradito alcune piccolezze ma rimane sempre un parere personale. Il finale, contestato da molti, rimane a mio parere una delle più grandi genialate di sempre,

Numero 8:  Eden: it’s an endless world

Risultati immagini per eden it's an endless world anime

Secondo manga fantascientifico in questa classifica. Eden è scritto e disegnato da Hiroki Endo, grande amante di Evangelion ove troverete degli elementi rimandanti quali l’esistenzialismo.

Per Eden ho in mente di fare una recensione nel minor tempo possibile e troverete tutto il necessario in quell’articolo.

Resta all’ottavo posto per i troppi termini di carattere scientifico che potrebbero scoraggiare (compreso il sottoscritto) i più e per aver allungato il brodo in certe situazioni. Tolti questi due “difetti”, Eden rimane un’opera di tutto rispetto.

Numero 7: Rocky Joe

Immagine correlata

Non sono un amante degli spokon e in generale li reputo mediocri sia per l’inutilità della trama (stiamo sempre parlando di generi sportivi, dove questi ultimi hanno la priorità) sia per la previbilità di determinati eventi.

Rocky Joe fa eccezione ed un accenno di trama va dato:

La storia ruota attorno a Rocky Joe, un ragazzo che girovaga nella città di Tokyo senza avere nulla a cui pensare. Passando per uno dei quartieri più poveri, Joe incontra un signore alcolizzato di nome Tange Danpei ove gli fa l’elemosina chiedendo dei piccoli spicci per continuare a bere.  Al rifiuto di Joe, l’uomo passa alle maniere forti e l’esito del litigio sarà a favore di Danpei. Quest’ultimo infatti si scopre che in passato fu un ex-pugile e chiede a Joe se vuole intraprendere la carriera di boxista dato che Tange è rimasto impressionato dai movimenti e riflessi del ragazzo.

All’ennesimo rifiuto, Joe prosegue per la sua strada ma poco più avanti si trova avanti 3 yakuza che stanno malmenando una bambina colpevole di aver rubato una bottiglia. Joe, alla vista di quella scena, malmena i 3 yakuza e Danpei decide una volta per tutte di far diventare il ragazzo un pugile professionista.

L’opera mi è rimasta nel cuore perchè l’autore Takamori si è concentrato maggiormente su Rocky Joe ragazzo che pugile. Il dolore, la sofferenza, la solitudine, la resa delle espressioni facciali sono alcuni elementi che Takamori ha approfondito egregiamente e l’esempio più lampante è l’evoluzione di Joe da ragazzo a uomo che culminerà in un finale strabiliante e per nulla scontato.

Numero 6: Liar Game

 

Per quanto riguarda questo manga, potete trovare la mia recensione al seguente link https://questnews.it/recensione-liar-game/

Trattasi di un survival game eccezionale e innovativo, dove il lettore sarà messo a dura prova e  spettatore dei continui colpi di scena, delle vicende raccontate e di tutte le macchinazioni messe in atto dai concorrenti del gioco per ambire alla vittoria. Questo è il Liar Game!

Manga sottovalutato nel nostro territorio, ma che consiglio a chiunque voglia cercare qualcosa di diverso dai soliti survival game.

Numero 5: One Piece

 

C’è bisogno di presentazioni? One Piece è ancora in serializzazione da 21 anni, ma sicuramente non ha perso il suo smalto.

Personaggi, ambientazioni, trama, insegnamenti quali il lavoro di squadra,amicizia, fratellanza, e flashback memorabili rendono One Piece un capolavoro con la c maiuscola.

La dedizione del mangaka Eiischiro Oda alla sua opera e ai fan ha fatto nascere numerose community di persone dedite al fumetto dove per ogni singolo capitolo se ne discute per ore.

“Solamente” al quinto posto perchè è ancora in corso e per “rispetto” delle 4 opere che elencherò effettivamente concluse.

Numero 4: Monster

Risultati immagini per monster manga

Secondo manga in classifica di Urasawa. Monster è IL seinen per eccellenza che amo con tutto me stesso: trattasi di un thriller psicologico con un goccio di genere poliziesco.

Una recensione esaustiva redatta dalla mia collega la trovate nel link seguente dove concordo in tutto e per tutto https://questnews.it/monster-recensione/

Reputo Johan Liebert il miglior villain che abbia mai visto sia per il tratto fisiologico che caratteriale assolutamente realistico pur essendo un’opera immaginaria. Non lasciatevi spaventare dall’inizio che potrebbe scoraggiare, tutte le varie sottotrame si legheranno nel corso di 18 volumi dove culmineranno in un finale dalla libera interpretazione voluto da Urasawa.

Abbiamo paura di guardarci allo specchio, perchè a fissarci, dall’altra parte

potremmo trovare un Mostro.

E riconoscerci in lui.

Numero 3: Fullmetal Alchemist

Medaglia di bronzo per il manga scritto e disegnato dalla maestra Hiromu Arakawa.

Sebbene preferisca l’anime al fumetto per la resa e scorrevolezza delle scene, è stata la prima opera che mi ha introdotto nel mondo dei manga e al cuor non si comanda.

Fma narra di due fratelli, Edward e Alphonse Elric, rimasti orfani che decidono di provare a resuscitare la madre usando l’alchimia. Un gesto folle dovuto anche alla loro età (8 anni Ed e sette Al) e che pagano a caro prezzo: Ed perde un braccio e una gamba; Al invece l’intero corpo, ritrovandosi con la propria anima legata dal fratello a un’armatura.

Inizia qui il lungo viaggio che vede i due fratelli a cercare la Pietra Filosofale, con la quale sperano di recuperare il corpo di Al e di restituire ad Ed gli arti.

27 volumi che vi lascieranno a bocca aperta per i personaggi ( Roy Mustang in primis) , alcune scene vi rattristeranno per la crudeltà, altre per i temi profondi e filosofici ma mai pesanti.

Un esempio di opera dove la qualità non è data dalla quantità, ma da come si narra una storia e l’esempio più lampante lo troverete fra poco nelle primi due posizioni.

Il mondo è imperfetto. È per questo che è così bello

-Roy Mustang

Numero 2: Pandora Hearts

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Sono reduce dalla lettura del manga due giorni fa e per meritarsi addirittura la medaglia d’argento vi deve essere per forza un motivo.

Pure per PH arriverà una recensione approfondita e spiegarvi quindi il perchè della seconda posizione : composta da 24 volumi, disegnati e scritti dalla mangaka Jun Mochizuki, apparentemente pesante nei primi 6 volumi, tutte le risposte vi verranno svelate man mano che andrete avanti. Come una brava mamma, Mochizuki accompagna il lettore in una trama densa di misteri, falsità, colpi di scena a non finire che culmineranno in un finale da cardiopalma dove è impossibile non restare a bocca aperta.

Numero 1: Magi the labyrinth of magic (con annesso spinoff Adventure of Sindbad)

 

Eccoci finalmente con la prima posizione.

Rimanete su queste pagine il 14 agosto perchè nel nostro paese uscirà l’ultimo volume e arriverà una super recensione di quest’opera che va al di là di oltre immaginazione.

Shinobu Othaka è andata oltre il concetto di shonen, scrivendo e disegnando la miglior trama, i migliori personaggi caratterizzati di sempre, inserendo tantissime riflessioni e temi, passando dalla schiavitù fino al concetto di morte ed ambientazioni VIVE e PULSANTI

Visto che non voglio trasformare questo articolo in una recensione, concludo qui dandovi appuntamento al 14 agosto dove potrò dire la mia.

 

Questi erano i miei 10 manga migliori di sempre (classifica soggetta a cambiamento tranne per le posizioni 1 e 2).

E i vostri quali sono?

 

 

 

 


Di seguito tutti i canali sui quali potete seguirci per restare sempre aggiornati con QuestNews.it:


Pagina ufficiale Facebook

Canale YouTube ufficiale

Canale ufficiale Telegram QuestNews

Gruppo ufficiale Telegram QuestNews (Videogiochi)

Gruppo ufficiale Telegram Quest News (Fumetti, libri, animazione e serie TV)

Rispondi