LA STORIA DEI TRE ADOLF: IL DIO DEI MANGA

Quando un uomo che viene universalmente riconosciuto come “il Dio dei manga” mette mano a una storia, si può star sicuri che ne uscirà qualcosa di notevole, in perfetta coerenza con l’epiteto affibbiato. Il mangaka in questione è niente di meno che Osamu Tezuka, il papà di Astro boy, Black Jack e Kimba. Anche con “la storia dei tre Adolf”, scritto a 7 anni dalla sua dipartita, e pubblicato nel 1985, sulla rivista Shukan Bunshun, si può dire che il suo talento sia perfettamente palpabile.

UN BREVE SGUARDO ALLA TRAMA:

“la storia dei tre Adolf” è un manga di soli 5 volumi, ambientato nella Germania nazista. I protagonisti indiscussi sono due: Adolf Kamil, appartenente ad una famiglia ebrea; e Adolf Kaufman, figlio di una giapponese e di un ufficiale nazista. I due stringono un’amicizia- pur sapendo delle leggi raziali in corso- che sembra consolidarsi anche di fronte alle difficoltà imposte sia dalle rispettive famiglie, sia dal terzo (ed ovvio) Adolf del titolo, ovvero Hitler stesso. A complicare i rapporti tra i personaggi, ci sono dei misteriosi documenti, che potrebbero certificare l’origine ebrea di Hitler, il che metterebbe a repentaglio le sorti del Nazismo.

Parlare di nazismo, e di guerra in generale, per qualsiasi autore, è rischioso, poiché si rischia sempre di incorrere in un’esagerata melodrammaticità, di soffermarsi sulle emozioni dei personaggi, più che sulla loro caratterizzazione. Per quanto anche Tezuka descriva in maniera certosina il degenerare dei sentimenti, non tralascia nulla. E, con maestria, riesce ad evitare di incorrere in un’ inutile retorica, per concentrarsi sul dipingere perfettamente il quadro della guerra, e delle conseguenze che essa porta, anche nei personaggi che ne sono più lontani.

Il tratto di disegno è molto semplice, come in ogni opera di Tezuka, per cui chi cerca un chara più definito o complesso, potrebbe restarne deluso. Personalmente, trovo che si adatti perfettamente allo stile della storia. (nella pic: Adolf Hitler e il giovane Adolf Kaufman)

IL COSTO…

Forse questa è la nota più dolente del tutto… il manga è edito da Hazard, già famosa per le pubblicazioni di diversi capolavori di Matsumoto e il costo è effettivamente un po’ elevato (10,33 euro a volume, con la nuova ristampa; ma potete trovarlo a 45 euro se comprate il cofanetto), benchè questi soldi li valga tutti!

Rispondi