Quando qualcuno pensa che vincerà sicuramente, è quando le sue debolezze vengono fuori.
-Tokuchi Toua

Benvenuti cari lettori/lettrici nella mia nota rubrica ove trattiamo recensioni in ambito manga ed anime.
Oggi trattiamo una serie anime composta da 25 episodi prodotta dallo studio Madhouse (particolarmente noto per HunterxHunter del 2011, Nana, Trigun);tratta dall’omonima opera cartacea cui riprende solamente i primi 10 volumi e mezzo su un totale di 20 del mangaka Shinobu Kaitani, autore dell’eccelente Liar Game.

Trama

Okinawa, Giappone.
La squadra dei Lycaons, prettamente di lega bassa, sta affrontando un brutto periodo in quanto le sconfitte si susseguono una dietro l’altra e per far fronte a questa evenienza il noto battitore del team Hiromichi Kojima si reca nell’isola di Okinawa quanto a trovare un possibile sistema per uscire finalmente da questo “oblio”.
Camminando nei bassifondi della città assiste a delle scommesse clandestine riguardo al gioco del baseball, da lui ritenuto sempre sacro e impuro; in quel determinato luogo conoscerà lo scaltro e  astuto biondino lanciatore, oltre che giocatore d’azzardo, Tokuchi Toua che sfiderà ad un particolare gioco denominato, dallo stesso Tokuchi, One Outs.
Dopo aver perso miseramente la prima volta Kojima si rifugia in montagna per poter elevarsi spiritualmente al di sopra di Tokuchi in quanto nella suddetta partita aveva percepito un senso di netta inferiorià e di terrore come se lo stesso Toua potesse aver previsto ogni sua mossa: facendo pace con i suoi sentimenti, lo risfiderà.
L’esito andrà a favore di Kojima andando ad intaccare il record personale di 500 partite vinte da Tokuchi (quindi 499 vinte ed 1 persa) e imporrà al lanciatore di aiutare la squadra dei Lycaons a vincere l’imminente campionato: Toua è costretto ad accettare.
Appena arrivato a destinazione il biondino siglerà un contratto con il proprietario della società della squadra Tsuneo Saikawa, un avido uomo bramoso solamente di soldi e disinteressato del destino della sua squadra, di nome One Outs: in base a quanti strike effetuerà gli verranno assegnati sul proprio conto 5,000,000 yen mentre per ogni fuoricampo effettuato dalle altre squadre ne perderà ben 50,000,000 yen.

Risultati immagini per one outs anime

Considerazioni:
Come noterete fin dalle prime battute, si tratta di un anime spokon dedicato al mondo del baseball in tutte le sue forme.
Quello che lo contraddistingue dalle altre serie inerenti al mondo dello sport è la psicologia e il modo di pensare che viene riservato al protagonista Tokuchi e come il mangaka Kaitani ami giocare con gli stereotipi: come per Liar Game, cui vedeva come protagonisti una ragazza sbadata e un noto teppista, anche One Outs presenta un personaggio rozzo proveniente dalla periferia ma con un quoziente intelettivo al di sopra della norma.
Lo spettatore, al fronte di tutti e 25 episodi, non può che rimanere estasiato e stupito di fronte alla marea di termini e nozioni che contraddistinguono l’opera: si percepisce di conseguenza uno studio accanito del baseball. Inoltre vi stupirete dei continui colpi di scena, spiegazioni,trucchi e ribaltamenti che il protagonista Tokuchi adotterà per vincere ogni partita.
Il biondino non si farà scrupoli ad ingannare i suoi avversari schiacciondoli non solo in ambito sportivo ma andando inoltre ad intaccare la loro psiche e in seguito demoralizzarli; gli stessi avversari non saranno da meno e per Tokuchi e il suo team saranno uno scoglio che dovrà essere superato.
Stupisce il fatto che le varie strategie non andranno mai al limite dell’assurdo e del surreale, ma saranno sempre realistiche e concrete: basti pensare in particolare ad una spiegazione calcolata in base alla lunghezza che separa ogni base, i tipi di lanci che possono essere effettuati con una semplice palla da baseball e il come ribattere codesti lanci nel giusto tempismo con la mazza.
Ogni volta che Tokuchi metterà piede sul monte di lancio (la base ove il lanciatore deve sostare per tirare) le partite prendono un’altra piega e diventano più emozionanti: lo spettatore si calerà nel personaggio per sapere che espediente e strategia ha pensato nel frattempo.
L’anime presenta, a mio modesto parere, due difetti: (uno dei quali potrebbe far storcere il naso mentre l’altro non mi ha dato fastidio ma deve essere elencata .)
1. Mancanza di un finale vero e proprio; una seconda stagione purtroppo non è ancora stata prodotta (l’anime è del 2008) e se volete continuare l’opera bisogna aspettare da uno degli editori italiani un possibile rilascio per il manga.
2. per esigenze di trama a parte Tokuchi il resto del cast non è caratterizzato adeguatamente, ma ogni membro dei Lycaons avrà un proprio scopo ed ordine nelle riuscite dei diversi piani del biondino: tutte le partite avverranno nella sua mente prestabilendo la formazione della squadra quando si troveranno in difficoltà.
Risultati immagini per one outs anime
La grafica è la classica di ogni serie d’animazione dello studio Madhouse: buona nella sua interezza assieme alle varie animazioni. Conclude il tutto un ottimo doppiaggio sia per quanto riguarda ogni giocatore sia per i telecronisti, ma quello che risalta più di tutti è ovviamente Tokuchi doppiato da Masato Hagiwara (per gli amanti dei survival game, è lo stesso doppiatore di Kaiji nella serie Gyakkyou Burai Kaiji).

Conclusioni
One Outs è una serie eccellente, contornata da una psicologia e strategia senza eguali che lo differenza da tutti gli altri spokon. Per chi ha amato Liar Game amerà sicuramente questa serie trovando un Shinobu Kaitani agli albori ma non per questo meno valente.
Per chi si voglia approcciare alla sua prima volta, posso dire che è una serie non per tutti: come detto soprastante, è una serie cui l’introspezione è in primo piano e qualcuno potrebbe non gradire le troppe spiegazioni. Se invece benaccettate questo fattore, 25 episodi vi passeranno velocemente e il personaggio di Tokuchi Toua vi rimarrà nel cuore per sempre.

Risultati immagini per one outs anime

Grazie per aver letto e alla prossima cari amici!

0.00
9.1

Trama

9.3/10

Personaggi

9.0/10

Grafica

9.0/10

Pros

  • Lo spokon visto sotto un'altra luce...
  • Psicologia e introspezione sviscerata egregiamente
  • Ottimo doppiaggio, annesso a grafica ed animazioni

Cons

  • ...che qualcuno potrebbe non gradire
  • Finale aperto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *