Io non faccio mai l’impossibile, per questo ci riesco

Yoh Asakura

Immagine correlata

Shaman King è un’opera sottovalutata: basta guardare siti specializzati sia nel nostro territorio che in quelli esteri per farsi un’idea che il manga, guardando una media prettamente matematica, non si scalza dal 7.5.

In questa recensione voglio dirvi la mia su un prodotto che reputo fantastico e che spero di consigliare alle future generazioni in un panorama dove gli shonen non hanno più inventiva (fatte rare eccezioni) e dove si punta di più alla spettacolarità delle battaglie che alla caratterizzazione dei personaggi.

Ricordo che, essendo una recensione, le idee e le opinioni sono strettamente personali pur entrando anche nell’oggettivo e capire il motivo della sottovalutazione.

TRAMA

La storia viene narrata in prima persona da Manta, un ragazzino che nel corso delle varie vicende trascriverà su un quaderno gli eventi più significativi cui assisterà in prima persona.

Una sera, mentre sta correndo in fretta e furia per prendere il treno, decide di optare per il cimitero usandolo come scorciatoia. All’improvviso, scorge un ragazzo ammagliato dall’immensità e quantità di stelle presenti in cielo: il suo nome è Yoh.

Quest’ultimo propone a Manta di ammirarle assieme a lui e gli spiriti che albergano nel cimitero: spaventato e incredulo, il ragazzino corre via.

Si apprenderà successivamente che Yoh è uno sciamano, una figura che comunica direttamente con gli spiriti, divinità ed anime dei morti. il suo sogno è quello di poter condurre una vita tranquilla standosene in pace e ascoltando la sua musica preferita.

Inoltre si trova nella città di Tokyo per partecipare e vincere lo Shaman Fight, un torneo disputato ogni 500 anni che eleggerà lo Shaman King ovvero diventare lo sciamano più potente (non entro nei particolari e nei dettagli per non rovinarvi la lettura).

Risultati immagini per trama shaman king

PERSONAGGI

Il punto forte dell’opera: nel corso delle varie vicende, Yoh assieme a Manta incontrerà molti personaggi che l’accompagneranno nei vari round del torneo; come Ryu, un teppista che vuole coronare il sogno di trovare il posto perfetto; Horo Horo, uno sciamano discendente dalla tribù nordica Ainu con l’obiettivo di poter coltivare un immenso campo di cavoli ed accompagnato dal suo spirito Kororo; Anna, una sciamana Itako con il potere di richiamare qualsiasi spirito e attuale fidanzata di Yoh; Ren, un ragazzo appartenente alla famiglia cinese Tao nota per il numero spropositato di uccisioni: l’obiettivo del giovane, accompagnato dal suo spirito Bason, sarà quello di uccidere suo padre En che lo ha cresciuto lontano da tutti solo per vendetta; Amidamaru, spirito di un samurai leggendario che assisterà Yoh nel corso della storia; Chocolove, un ragazzo africano con la pettinatura Afro cui il sogno è quello di diventare un grande comico ispirandosi al suo maestro.
Questi sono solo alcuni dei personaggi che costituiscono l’intera avventura ma ne mancherebbero altrettanti come i membri degli X-Laws, un’organizzazione paramilitare con un obiettivo preciso e possessore di una giustizia propria ed assoluta da imporre; oppure i Gandhara, gruppo religioso che pratica le tecniche ascetiche.

Parantesi a parte per il villain Hao: un’antagonista eccezionale con delle motivazioni valide, il quale obiettivo è quello di sterminare la razza umana per un evento antecedente la storia e liberare l’odio che alberga sulla terra. Vi posso assicurare che di manga ne ho letti, ma un personaggio come Hao è difficile trovarlo: ci sarebbe da fare un discorso lungo, fatemi sapere nei commenti se volete un approfondimento.

http://images6.fanpop.com/image/photos/35700000/Shaman-King-anime-debate-35716891-1653-1169.jpg

Le ambizioni, i sogni e i desideri di ogni singolo personaggio sono trattate egregiamente facendo capire al lettore che ognuno di loro vuole diventare Shaman King per veder realizzato il proprio sogno e dimostrando che il mangaka Takei aveva in mente tutto fin dall’inizio (senza perdersi in sciocchezze).

CONSIDERAZIONI

L’opera è colpa di valori che contraddistinguono la nostra vita di tutti i giorni: amicizia, vendetta, redenzione, la perdita di un proprio caro, amore verso il prossimo, lo scavalcamento delle proprie paure e dei tormenti che affliggono da sempre l’uomo sono solo alcuni.

Quello che si nota maggiormente è l’evoluzione dei personaggi che avviene in maniera graduale ma con un risultato finale stupefacente, in particolare nei personaggi di Chocolove e Ren senza togliere nulla agli altri. Da aggiungere i vari flashback dedicati all’apprendimento delle varie tecniche e in primis il primo incontro fra Yoh ed Anna, davvero toccante e non nascondo la mia commozione anche per merito soprattutto dei disegni.

Per quanto riguarda questi ultimi, si passa da un disegno prettamente elementare (sia dei personaggi che negli sfondi) fino ad arrivare a poco meno di metà serie ad un miglioramento sorprendente: penso infatti che Shaman King sia uno dei pochi manga dove l’evoluzione è parecchio evidente, sia nei disegni che come detto prima nei personaggi.

Risultati immagini per shaman king anna e yoh

FINALE

L’opera di Takei non venne apprezzata in madrepatria, vuoi perchè i giapponesi preferiscono solo mazzate e botte infischiandosene della caratterizzazione dei personaggi o altri motivi, e venne troncata di colpo: Shaman King mancava di un finale proprio. Da questo fatto si spiegano le recensioni negative giustificate sicuramente ma non per colpa del mangaka come detto prima.

3 anni dopo la “non fine“, Takei ottiene una seconda possibilità aggiungendo 16 capitoli che danno la parola fine all’opera. E che finale aggiungerei!

Un vero miracolo se possiamo chiamarlo cosi, un finale inerente a tutta l’opera e che riesce a togliere la vergogna che albergava in esso.

Per chi mi conosce, sa che la mia opera preferita è Magi the labyrinth of Magic cui ho attribuito un 10 meritato nella recensione che vi consiglio di andare a leggere, qualora l’avete persa; ma il finale di Shaman King l’ho preferito a quello di Magi, sia per la resa globale che per le tavole: ho pianto ragazzi, non ce l’ho fatta a trattenermi.

Risultati immagini per shaman king wallpaper

EDIZIONE

Shaman King ha ottenuto due edizioni nel nostro territorio grazie all’editore Star Comics: la prima, composta da 32 volumi ma mancante di un finale proprio e più rara da trovare. La seconda, reperibile tranquillamente sul sito dello stesso editore, conta 27 volumi in una ottima perfect edition in un formato più grande rispetto allo standard con tavole riviste e migliorate dallo stesso Takei con al suo interno il vero finale che l’opera merita.

Risultati immagini per perfect edition shaman king

DIFETTI

Personalmente l’inizio non è dei migliori visto che c’è decisamente di meglio nel panorama shonen, mi riferisco solo ai primi 4 capitoli (decisamente autoconclusivi) . Poi è tutto in salita fino al finale.

CONCLUSIONE

Shaman King non ottiene il massimo dei voti (arrivandoci per un soffio) a causa di un inizio non dei migliori, ma è un difetto che personalmente ho intravisto (fatemi sapere poi): è come cercare l’ago in un pagliaio.

Per il resto, i personaggi assieme alla trama ed ai disegni sono fantastici: tutti caratterizzati a dovere, con dei flashback che vi rimarranno impressi nella mente per sempre. Basta solo il villain Hao per farvi cominciare quest’opera sottovalutata.

Grazie Takei!

Risultati immagini per trama shaman king

 

9.5

Trama

9.5/10

Personaggi

9.7/10

Disegni

9.3/10

Pros

  • I valori della vita racchiusa in uno shonen
  • Hao, uno dei migliori villain dell'intero panorama manga
  • Miglioramento dei disegni da applausi
  • Finale capolavoro
  • Evoluzione dei personaggi sensazionale, con annessi dei flashback smisurati

Cons

  • L'inizio non è dei migliori

Rispondi