Kurt Margenau e Anthony Newman di Naughty Dog  forniscono maggiori dettagli sul gameplay e sulla filosofia di design di The Last of Us Part II.

Ecco le informazioni emerse dall’E3:

  • Ellie non ha la massa e la forza di Joel, quindi il suo stile di combattimento è più creativo e agile, ma altrettanto letale;
  • Il sistema stealth analogico funziona combinando la densità del fogliame e la posizione di Ellie  per determinare quanto è visibile. È un sistema più sfumato rispetto ai giochi del passato;
  • Il nuovo gioco migliora le scelte strategiche disponibili per i giocatori, rappresentate con il livello di fedeltà di Naughty Dog;
  • L’intelligenza artificiale è migliorata rispetto al primo gioco. I nemici si coordinano costantemente tra loro, trasmettono le loro informazioni e si riferiscono l’un l’altro per nome. Sono rappresentati veri umani intelligenti. D’altra parte, Ellie è diventata ancora più capace nel combattimento e può creare nuovi oggetti tramite il crafting. Entrambi questi elementi allo stesso tempo aumentano la tensione. I giocatori devono essere strategici e utilizzare tutte le risorse a loro disposizione per superare i nemici molto intelligenti.
  • Naughty Dog ha migliorato il corpo a corpo per renderlo più profondo e più complesso. Dando al giocatore una nuova opzione difensiva (la schivata) hanno aggiunto un’intera dimensione al combattimento. “È quasi come passare dal 2D al 3D.” Il giocatore può gestire più nemici contemporaneamente;
  • La profondità dei più tradizionali giochi in mischia è abbinata alla fedeltà di Naughty Dog. Ogni volta che Ellie scansa, c’è un sistema complesso che analizza la direzione degli attacchi, e lei fa qualcosa di contestuale;
  • I nemici usano armi diverse e hanno serie di mosse diverse. Possono interagire con l’ambiente e con Ellie in modi diversi;
  • La demo che abbiamo visto è molto aperta ed è possibile affrontarla in modi completamente diversi;
  • Uno degli obiettivi è dare ai giocatori molte opzioni in combattimento, e uno di questi è non combattere.La fuga è sempre un’opzione, e ogni livello ha luoghi in cui è possibile fuggire, e lo scontro non è l’unica via. I nascondigli e le vie di fuga sono presenti in tutti i livelli;
  • Ci saranno armi aggiornabili e diversi tipi di munizioni elaborabili;
  • Nel gioco saranno presenti nuovi tipi di infetti;
  • Il team sta perseguendo un’idea di continuità con il design del livello, in cui le linee tra gli spazi di combattimento e gli spazi non di combattimento non saranno nette. Non sai mai veramente dove sei in pericolo. C’è un costante senso di minaccia in qualsiasi punto del gioco;
  • Come confermato dallo stesso Neil Druckmann, creative director di The Last of Us Part II, Ellie sarà l’unico personaggio giocabile nel gioco.

The Last of Us Part II non ha ancora una data di rilascio.

Fonte: Gematsu

Fin da piccolo cresciuto a pane e videogiochi, a partire dal PC con il sistema DOS passando per le console fisse e portatili ho arricchito il mio bagaglio videoludico, soprattutto amando alla follia il genere RPG tra cui la saga di Final Fantasy, Chrono Trigger, Lufia, Persona, Dragon Quest, Kingdom Hearts ecc…
Il mio scopo è quello di portare qualsiasi informazione sul mondo dei videogiochi condividendo la mia passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *