Il gigante dello streaming americano Netflix, sta muovendo i primi passi per aiutare l’industria durante la crisi globale COVID-19. Un comunicato stampa della compagnia guidata da Ted Sarandos riporta queste parole:

“La crisi di COVID-19 è devastante per molti settori, compresa la comunità creativa. Quasi tutta la produzione televisiva e cinematografica è ora cessata a livello globale, lasciando centinaia di migliaia di troupe e il cast senza lavori. Anche elettricisti, falegnami, autisti, truccatori e molti altri, pagati a paghe orarie, sono messi molto male. Questa comunità ha supportato Netflix durante i bei tempi e vogliamo aiutare attraverso questi tempi difficili, specialmente mentre i governi stanno ancora cercando di capire quale sostegno economico forniranno”.

Netflix ha quindi deciso di aiutare tutti questi lavoratori fermi, donando una somma di 100 milioni di dollari, oltre al rimborso delle varie attrezzature per ora sospese. Sempre il comunicato riporta:

Vogliamo supportare il più ampio settore cinematografico e televisivo. Pertanto, 15 milioni di dollari del fondo saranno destinati a terzi e organizzazioni senza scopo di lucro fornendo aiuti d’emergenza alla troupe e al cast disoccupati nei paesi in cui abbiamo una vasta base produttiva. Doneremo 1 milione di dollari ciascuno al Fondo Disaster Covid-19 della Fondazione SAG-AFTRA, al cinema, Television Fund e Actors Fund Emergency Assistance negli Stati Uniti e per finire 1 milione di dollari tra AFC e Fondation des Artistes in Canada. “

Per quanto riguarda l’impatto dell’iniziativa in Europa, la società sta ancora collaborando con organizzazioni industriali esistenti, così da poter creare simili interventi di soccorso e di emergenza anche per altre comunità. Un gesto davvero toccante e molto giusto da parte di un grosso colosso come Netflix

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *