Il vostro Sensei cambia completamente genere in questa recensione e vi porta nel mondo di Polygod, un FPS rogue-like, con mappe generate casualmente, single & multiplayer con una curva di difficoltà esponenziale. Non facciamoci ingannare dalla grafica minimalista e vediamo cosa ci propongono i ragazzi di Krafted Games, ai quali vanno i nostri ringraziamenti per la copia ricevuta.

– Gameplay

La nostra sola arma è una pistola che spara colpi infiniti senza dover mai ricaricare. Possiamo saltare e muoverci nello spazio. Nient’altro. Da uno sguardo superficiale potrebbe sembrare estremamente spartano, ma il titolo offre molto di più. Verremo catapultati in una mappa generata casualmente densa di nemici. Per ogni uccisione effettuata guadagneremo Souls (anime) le quali una volta accumulate potranno essere scambiate per dei potenziamenti su degli appositi altari.

I Power Up saranno casuali e vari, talvolta bizzarri. Potremo aumentare la nostra vita o il nostro danno oppure dare strani effetti alla pistola come la capacità di sparare letali bolle di sapone. Tutti i poteri sono combinabili ed i loro effetti si sommano (un po’ alla Isaac). Questo sistema farà sì che ogni giocatore voglia esplorare a fondo l’intera mappa per accumulare più Souls possibili per prendere tutte le benedizioni. Al termine di ogni mappa ci aspetterà un boss di fine livello, più o meno difficile. La vera difficoltà del gioco sta nel permanent death. Ovvero quando subiremo il game over esso sarà definitivo e dovremo ricominciare tutto il gioco dall’inizio senza i nostri poteri. Insomma, questo non è il solito FPS.

I nemici sono molto vari così come i loro attacchi. Anch’essi saranno generati casualmente sulla mappa e non sarà facile abbatterli. Alcuni sono stazionari, come la torretta, ma altri si avvicinano ed esplodono come una mina di prossimità. Per ucciderli serviranno una buona mira, comprensione della topografia del livello e una buona conoscenza del loro pattern di attacco. Buttarsi in mischia alla COD ci farà solo guadagnare una rapida e definitiva morte. Ogni nemico lascia cadere una singola goccia di salute, la quale può essere accumulata per aumentare la nostra salute massima.

– Sonoro & Grafica

Per quanto riguarda il comparto sonoro siamo appena sufficienti. Ci sono pochi temi e non troppo orecchiabili. Anche gli effetti della pistola potevano essere meglio realizzati. Poco vari e dimenticabili.

Relativamente alla grafica il gioco si presenta con una texture molto semplificata, quasi minimalista. Questo farà storcere il naso a molti player abituati ad un altro tipo di risoluzione. A livello di gameplay si ripercuote nel fatto di non vedere bene i nemici a schermo. Molto spesso verremo sopresi ed uccisi durante gli scontri da mob “invisibili” perché nascosti dal paesaggio. Questo risulterà essere molto frustrante anche per i giocatori più navigati che saranno costretti a ricominciare più volte il gioco a causa di ciò.

 

– Particolarità e Curiosità

Polygod è in realtà l’ideale per gli speedrunner. Ogni livello è legato ad un codice detto Seed (seme). Il che significa che è possibile salvare il livello e condividere con gli altri giocatori il proprio miglior tempo di completamento. Quindi i migliori giocatori avranno pane per i loro denti per completare i livelli più hard-core nel minor tempo possibile. Ho notato un lieve aumento della velocità di movimento mentre si salta in diagonale sparando. Spero che questo “trucco” possa far felice qualcuno.

La mia recensione è basata sulla versione per Nintendo Switch. Per questo ci tengo a precisare che lo sviluppatore indipendente Krafted Games ha incluso anche i controlli del giroscopio. Non è l’uso più accurato che abbia visto in uno sparatutto su Switch, ma usare il movimento giroscopico è molto più gratificante che giocare con un controller Pro, soprattutto negli scontri a fuoco caotici di Polygod.

– Conclusione

Polygod è un titolo adatto agli amanti del genere Rogue-like alla Binding of Isaac e si farà giocare e ri-giocare con piacere facendovi imprecare non poco. Se non fate parte di questa categoria forse lo troverete un po’ troppo difficile e frustrante, ma se volete mettervi ugualmente alla prova e migliorare la vostra abilità di tiratori vi ricordo che il gioco è ora disponibile sul Nintendo eShop ad un prezzo competitivo.

Se vi è piaciuta la recensione restante con noi per scoprire tante e divertenti News sul mondo dei Videogiochi. -Sensei

Vi ricordo i nostri canali principali ai quali è possibile iscriversi:

Facebook

YouTube

Clicca QUI per l’articolo precedente

Ottieni il gioco su Nintendo E-Shop

0.00
6.7

Grafica

6.5/10

Contenuti

6.5/10

Difficoltà

8.5/10

Sonoro

6.0/10

Trama

6.0/10

Pros

  • Ottimo Feeling
  • FPS Rogue-like unico

Cons

  • Difficoltà Elevata
  • Sonoro

I videogame sono la mia passione fin dalla più tenera età. Cerco costantemente il divertimento e lo svago che solo questo prodotto può creare. Con questo ardente desidero spero di contagiare tutti voi.

Rispondi