Rockstar ha finalmente annunciato la data di uscita della beta di Red Dead Online, la modalità multiplayer per Red Dead Redemption 2, l’ultimo incredibile lavoro della casa di sviluppo americana. La Beta partirà domani, 27 novembre per i possessori dell’Ultimate Edition e nel corso della settimana verrà resa disponibile anche per tutti gli altri. Saranno previste quindi, quattro fasi della fase di prova fino al 30 novembre.
Se ancora non avete deciso se acquistare o meno l’open world ambientato nel vecchio West di Rockstar innanzitutto vi rimandiamo alla nostra recensione QUI.

Come già spiegato quindi:
Il 27 novembre tutti i possessori di Red Dead Redemption 2 Ultimate Edition potranno provare la Beta.
Il 28 novembre tutti coloro che hanno giocato al titolo dal 26 ottobre accederanno alla prova.
Il 29 novembre sarà ampliato a coloro che hanno provato il gioco tra il 26 e il 29 ottobre.
Infine il 30 novembre tutti i possessori di RDR2 potranno finalmente mettere mano su Red Dead Online.

L’orario fissato per la Beta in ogni caso non è proibitivo come invece di solito accade per noi italiani infatti la prova inizierà alle 13:00 Ora Italiana.
Si tratta quindi di un momento fondamentale, non appena si attiverà la beta, vedrete in alto a destra mentre giocate a RDR2 una voce che vi permetterà di entrare all’interno del multiplayer.

Per quanto riguarda gameplay e modalità disponibili sicuramente Rockstar aggiornerà in futuro, per il momento sappiamo che all’interno del server i giocatori saranno 32 con la possibilità di formare gang di massimo 8 membri ciascuna e questo vale sia in multiplayer che in modalità open world. Potrete quindi accamparvi, cacciare e pescare con i vostri amici ma soprattutto anche attaccare altre bande nemiche ma svolgere anche missioni in cooperativo e interagire con gli NPC. Ricordiamo ovviamente che si tratta di un periodo di beta e per cui Rockstar cercherà di ascoltare il più possibile il feedback dei giocatori e aumentare contenuti e chissà, magari anche il numero di utenti nei server in futuro. Siete pronti?

Rispondi