È ormai chiaro come Resident Evil abbia rivoluzionato il genere Survival horror grazie alla sua ambientazione cupa e spaventosa ed ai vari enigmi da risolvere. In questo articolo andrò a parlarvi della storia di Resident Evil e di come il tutto è stato creato dandovi ovviamente anche un introduzione chiara e dettagliata sulla trama.

Resident Evil nasce nel lontano 1996 dalla mente geniale di Shinji Mikami, uno sviluppatore di videogiochi giapponese nato il 11 agosto del 1965. All’età di 25 anni, Mikami si unì alla azienda Capcom, iniziando a lavorare fin da subito su titoli come come Disney’s Aladdin e Goof Troop entrambi per Super Nintendo. Nel 1994 però, il giovane sviluppatore prese in mano la creazione di un titolo survival horror, basandosi in buona parte sui film di George Romero, ecco che venne alla luce Resident Evil. Messo in commercio con il titolo Biohazard in Giappone e nel resto del mondo con il nome Resident Evil, il titolo ebbe un successo planetario, arrivando a vendere oltre cinque milioni di copie ed ha ottenere il titolo come killer application presente su Playstation. Non passp troppo tempo e Capcom mise subito a lavoro il giovane Mikami al seguito di Resident Evil, arrivando a creare una vera e propria serie mastodontica con svariati titoli, pellicole e pubblicazione di libri dedicati.
La storia inizia cronologicamente con Resident Evil 0, un capitolo arrivato molti anni dopo la pubblicazione del primo gioco su Playstation, ed è proprio da qui che ha inizio il contagio del virus. Ma qual è la storia dietro lo sviluppo di questo virus? Chi sono davvero i nemici della saga? Ecco di seguito tutta la storia di cosa è accaduto dietro le quinte.

Avvenimenti del 1966-1967

Ozwell E. Spencer, Edward Ashford e James Marcus, partirono per una spedizione alla ricerca di un fiore chiamato “Scala verso il Sole” che per strane ragioni riusciva a dare caratteristiche particolari. Arrivati sul posto, precisamente nei territori della tribù degli Ndipaya, James Marcus prese vari campioni del fiore, che portò subito allo stabilimento creato tra i Monti Arklay. Insieme al suo studente Brandon Bailey, riuscirono dopo tre mesi a creare il Virus Progenitor (Virus Madre) che iniziarono ad usare su cavie da laboratorio. Purtroppo però la crescita dei fiori fuori dal loro habitat non riusciva a ricreare il virus al suo interno e quindi venne presa la decisione di creare un centro scientifico in Africa, così da poter ottenere il virus senza problemi.

La sperimentazione procedeva senza intoppi ma Spencer decise di andare oltre usando cavie umane nel suo laboratorio situato sotto la Villa Arklay, usando Lisa e Jessica Trevor. Gli scienziati inniettarono due varianti del virus, Jessica gli venne somministrata la variante Tipo-A, mentre a Lisa la variante Tipo-B. Passati cinque giorni, Jessica morì a causa dell’ infezione virale, mentre Lisa riuscí ad adattarsi perfettamente al virus ma con gravi mutazioni sia nell’ aspetto fisico che nel carattere. La ragazza divenne quindi il fulcro degli esperimenti per l’azienda.

Avvenimenti del 1968-1971

Marcus, Spencer e Ashford divennero sempre più ossessionati sulle varie possibilità che il virus Progenitor poteva offrire ma a causa dei pochi fondi era quasi scontata la fine delle ricerche. Spencer però non volle arrendersi e attuò un piano che vedeva la creazione di un azienda farmaceutica, che serviva ovviamente a coprire i reali scopi dei tre fondatori. Ecco che quindi nel Marzo del 1968 la Umbrella Corporation divenne realtà.

Con la creazione della azienda, i tre fondatori riuscirono ad ottenere i fondi necessari per poter procedere ai vari esperimenti. Marcus era interessato a vedere come il virus riusciva ad adattarsi ai vari organismi. Ashford, insieme al figlio Alexander, era invece interessato a creare nuovi tipi di cure per le varie aziende farmaceutiche, mentre Spencer, il più crudele dei tre, era interessato alla creazione di macchine organiche come armi da guerra. Passato qualche tempo Ashford morì a causa della troppa esposizione al virus, lasciando così a Spencer molto più potere sulla azienda e mandando in declino la famiglia Ashford che sparì lentamente nel dimenticatoio. Rimasto soltanto lui a dominare la scena grazie anche alla totale assenza di Marcus, Spencer iniziò ad avviare il progetto segreto chiamato “Wesker”. Anche Alexander Ashford, ormai messo da parte, iniziò in segreto il progetto “Veronica” in modo da riottenere in futuro nuovamente potere sulla Umbrella Corporation.

Avvenimenti tra il 1977-1989

Mentre Spencer continuava a comandare indisturbato l’azienda, Marcus riuscì a combinare il Virus Progenitor con il DNA di Sanguisuga, ottenendo così un nuovo tipo di virus.
Con in mano una scoperta molto più eccezionale del Progenitor, Marcus iniziò a iniettare il virus a vari dipendenti della Umbrella Corporation in segreto, volendo testare le varie conseguenze che poteva dare. Insieme ai suoi due collaboratori William Birkin e Albert Wesker, Marcus riuscì a completare il suo lavoro, che chiamò Virus-T.

Purtroppo però, sotto ordine dell’ormai leader Ozwell E. Spencer, Marcus morì assassinato dai suoi due collaboratori Birkin e Wesker, che presero il Virus T portandolo nella villa Spencer, sotto il laboratorio Arklay. Diventati capi del progetto T-Virus, I due scienziati iniziarono così la creazione di armi biomeccaniche chiamate B.O.W, senza però ottenere il controllo che speravano a causa della instabilità del Virus T.
Per risolvere il problema, Birkin inserì l’Ebola Virus, stabilizzando così il problema del Virus-T.
Intanto in Antartide la giovane Alexia Ashford, usando la base del virus Progenitor ed il DNA di una formica regina creò il virus T-Veronica. Decisa a continuare ad insaputa della Umbrella, Alexia si inniettò il virus T-Veronica e si fece ibernare per un lungo periodo.
Sotto la supervisione di Spencer, Birkin continuò i suoi esperimenti sfruttando Lisa Trevor, che grazie alla sua compatibilità con il Progenitor Tipo-B ed le varie iniezioni del Virus T riuscì a dare vita al Virus-G. William Birkin però non era consapevole che la sua sorte sarebbe stata come quella di Marcus, infatti venne mandato un plotone d’esecuzione a mettere fine alla vita di Birkin, ma soprattutto al recupero del nuovo Virus-G. Ormai prossimo alla morte, Birkin si fece l’iniezione del Virus-G, diventando un essere mostruoso che uccise tutti i suoi sicari e portò alla distruzione di un campione di Virus-T che in poco tempo creò l’epidemia nella città di Raccon City attraverso i topi.

Con l’ epidemia ormai rilasciata involontariamente da Birkin concludo la storia che si è celata dietro le quinte durante i vari avvenimenti fino al terzo capitolo. Ovviamente non parlerò dei futuri virus come la Plagas o Uroboros anche perché verranno analizzati con un secondo articolo. Di seguito invece voglio scrivervi la spiegazione di ogni singolo virus menzionato qui sopra.

Virus Progenitor: Estratto dal DNA di un fiore, il virus Progenitor è la forma madre dei Virus T e Virus T-Veronica. Capace di modificare il DNA del soggetto, chi riusciva a resistergli senza morire otteneva grandi aumenti delle caratteristiche. Ovviamente gli effetti collaterali erano il mutamento fisico che apportavà sul soggetto, il più del volte con il passare del tempo.

Virus-T: Creato unendo il Virus Progenitor ed il DNA di una sanguisuga, il T-Virus è altamente rapido e tossico, capace di alterare la struttura cromosomica del suo portatore a livello cellulare, in altre parole riesce a rianimare i morti lasciandoli però un solo ed unico istinto e cioè quello di nutrirsi.

Virus T-Veronica: Creato unendo il Virus Progenitor ed il DNA di una formica regina, il T-Veronica riesce a donare l’immortalità e la possibilità di poter controllare ogni cosa che faccia parte del virus. Se portato ad una giusta temperatura è possibile coesistere con il virus all’interno e Alexia Ashford è la prova di questo sistema.

Virus G: Creato unendo il Virus-T e il sangue di Lisa Trevor, il Virus G dona una grande evoluzione nell’ aspetto fisico ma soprattutto nelle caratteristiche. I lati negativi però sono la perdita di memoria e il mutamento velocizzato che rende l’ospite in poco tempo una creatura abominevole.

Concludo dicendo che questo non sarà l’unico articolo di Resident Evil anzi, arriveranno in futuro molti altri approfondimenti. Ricordo che sé siete amanti del genere horror allora non potete assolutamente perdervi il primo articolo dedicato a Silent Hill che troverete di seguito.

https://questnews.it/silent-hill-origini-di-una-saga-ormai-perduta/

2 thoughts on “Resident Evil- Storia e approfondimenti”

  1. Ciao mi ha fatto piacere trovare e leggere questo articolo. Cerco la cronologia di Resident Evil. Cioè il susseguirsi degli eventi. Non vedo l’ora di scoprire il Virus Las Plagas, Uroboros, C e infine il virus di Revelation. Ma che sono zombie-pesce? Ah dimenticavo il Virus……Evil O.o”? (RE7). Sarei interessato anche alla storia dei personaggi più importanti. Sia protagonisti che antagonisti. Dovresti creare un sito web che spiega ogni caratteristica della storia. Uscirebbe sicuramente un libro, ma anche i dettagli più inutili in realtà dimostrerebbero rilevanza. Fammi sapere…

    1. Ciao, grazie per il commento e scusa per la risposta in ritardo. Guarda purtroppo ho davvero tanti canali (gruppi e pagine) che purtroppo un altro sito sulla spalle sarebbe morte per me hahahah. Però in futuro potrebbero arrivare altri articoli interessanti, sempre relativi a Resident Evil. Comunque sè vuoi puoi richiedermi l’amicizia su Facebook, mi chiamo Russello Christian. Mi piacerebbe poterti spiegare e parlare con un fan della serie.

      Un saluto e grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *