Lo stand di Nintendo, dedicato soprattutto a Pokémon e Super Smash Bros. Ultimate, al consueto evento annuale lucchese è stato sicuramente uno dei più interessanti e ricchi di contenuti. Diversi titoli da provare, sia già usciti che prossimi alla release. Stiamo parlando di giochi come Splatoon 2, l’immortale Skyrim, Wolfenstein, Super Mario Odissey e Zelda Breath Of the Wild. Sicuramente però le demo che hanno suscitato la nostra maggiore curiosità ma anche quella degli altri sono quelle dei titoli in uscita in questi giorni e nelle prossime settimane; in questo caso parliamo di Super Smash Bros Ultimate, in uscita sulla console nipponica il 7 dicembre.

Se non avete ancora visto le nostre impressioni su Pokémon Let’s Go Eevee e Let’s Go Pikachu le trovate QUI

Le nostre impressioni

Beh che dire, Nintendo con il suo Super Smash Bros. Ultimate vuole sicuramente spingere al massimo il brand, un roster pressoché infinito con aggiunte di universi esterni ma anche interni a Nintendo sempre più impensabili. La demo non comprendeva tutti i personaggi e scenari ed era la stessa disponibile già da qualche mese ad altre fiere, così come per quella di Pokémon, ma sicuramente era abbastanza contenutisticamente fornita per poter capire già abbastanza in profondità le meccaniche di base del combattimento, il core di Super Smash Bros. Ultimate. Per questo motivo non abbiamo avuto modo di provare anche la modalità single player Stella della Speranza. Prima di tutto però una menzione al controller, abbiamo utilizzato il GamePad Gamecube dedicato a Super Smash Bros., sicuramente un’aggiunta gradita, peccato per il prezzo, ancora un po’ altino.

Per dovere di cronaca, nella foto soprastante è presente il roster disponibile all’interno della demo, già abbastanza fornito ed interessante per questo abbiamo voluto provare soprattutto personaggi completamente inediti come Ridley, o che non vedevamo da tanto tempo come Snake (presente soltanto in Super Smash Bros Brawl). Tecnicamente il gioco è già pronto, funziona tutto in maniera molto fluida, 60 fps e full hd anche in modalità docked così come la casa di produzione ci ha assicurato. Certo, sicuramente è molto complesso giudicare un titolo e specialmente un picchiaduro con così pochi match e scontri alle spalle ma qualcosa la possiamo dire senza dubbio.
Per chi conosce la serie ed ha un minimo di esperienza di picchiaduro alle spalle sa l’importanza del movimento all’interno di un titolo come Super Smash Bros., importanza che aveva un po’ perso nelle sue ultime iterazioni per andare incontro anche a novizi e a giocatori un po’ più casual. In questo Ultimate, ci sono alcuni accorgimenti tecnici sulla parata e sugli scatti che hanno reso tutto molto più tecnico, o se vogliamo, profondo. Sono tornati gli scatti aerei adesso ed è possibile anche cancellare la parata per ottenere un parry più efficace. E’ evidente quindi la volontà di Sakurai di ottenere quelle sensazioni che tutti i fan più datati hanno provato con Brawl e Melee soprattutto (considerati ancora i migliori della saga), senza abbandonare il percorso di accessibilità anche per i meno avvezzi ai Picchiaduro.

Se tutto questo funzionerà non lo sappiamo ancora, abbiamo fatto diverse partite, ma tutte abbastanza limitate. Le impressioni che però abbiamo verso il nuovo Super Smash Bros. Ultimate sono veramente buone e a questo punto direi che possiamo essere ottimisti; il nuovo Smash è un titolo che sembra voler posizionarsi in quel mezzo ambito da molti, accessibile ma allo stesso tempo profondo ed appagante per i fan più hardcore e professionisti. Ci riuscirà? Lo sapremo soltanto il 7 dicembre, nel frattempo scaldatevi le dita e preparatevi alle innumerevoli sfide che il nuovo picchiaduro di Nintendo vi porrà di fronte!


Di seguito tutti i canali sui quali potete seguirci per restare sempre aggiornati con QuestNews.it:


Pagina ufficiale Facebook

Canale YouTube ufficiale

Canale ufficiale Telegram QuestNews

Gruppo ufficiale Telegram QuestNews (Videogiochi)

Gruppo ufficiale Telegram Quest News (Fumetti, libri, animazione e serie TV)

Rispondi