Prima di addentrarmi nelle mie considerazioni riguardanti questo fumetto scritto e disegnato dall’autore Edoardo Testi (pseudonimo Fumeddy), volevo ringraziare “l’editore” Torinese manfont avermi fornito la suddetta copia che è disponibile al grande pubblico sul sito ufficiale ed in varie fumetterie al prezzo di 16.00 contenente 120 pagine contornate da una sovracopertina.
Come avrete appena letto, ho inserito le virgolette attorno al termine editore: l’azienda manfont non si definisce tale in quanto lascia che siano gli stessi autori ad essere titolari a tutti gli effetti dei vari diritti delle loro opere stilate. In pillole, sponsorizza scrittori che vogliono mettersi in gioco e questo, personalmente, è una grandissima opportunità nel nostro Bel Paese.

L’autore

Abruzzese di origini e nato nell’89, Edoardo Testi ha avuto fin dalla tenera età la passione per il disegno e i cartoni animati: questa verrà coltivata e rafforzata successivamente approdando sulle piattaforme social Facebook e Instagram ove contano entrambe attualmente 10 mila ammiratori per il primo e 92 mila followers per il secondo. In ambedue, Fumeddy pubblica i suoi ultimi lavori caratterizzati prevalentemente da immagini singole facendo suscitare al lettore ironia e satira.
Il suo primo fumetto è stato annunciato e presentato l’anno passato alla nota fiera lucchese Lucca Comics & Games: come da titolo, andiamo a scoprire cosa offre Trumpolino contro Tutti.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Considerazioni
La storia ruota attorno al rude, scrupoloso, scorbutico,angosciato presidente Trumpolino che sta rilasciando un’intervista davanti a milioni di telespettatori quando all’improvviso ha un collasso e, dopo un flashback inerente alla figura di sua padre, un individuo nobile ma spregievole, senza ritegno e che mette al primo posto solamente i suoi averi, si sveglierà all’interno della propria testa ove incontrerà la sua stessa coscienza. Assieme ad essa, Trumpolino compirà un lungo percorso che lo porterà a cambiare il proprio “io” passando da una persona razzista verso gli extracomunitari,  un individuo che non accetti chiunque si opponga al suo immenso potere (quest’ultimo guadagnato immeritatamente grazie alla sua parlantina contornata da false promesse solamente per arrivare alla carica), ad una persona più premurosa nei confronti dei suoi concittadini, più sincera ed aperta al dialogo. Riuscirà davvero ad effettuare questo mutamento?
A voi il piacere della scoperta.

Risultati immagini per trumpolino contro tutti

Dopo un sunto breve riguardo alla trama, veniamo ai contenuti proposti:
1. Il fumetto è contornato da un’ironia e da una ridicolizzazione riguardo ai vari sistemi diplomatici, ai membri politici e della loro operosità verso i cittadini sia Italiani (Trumpolino incarna lo stereotipo, nel suo modo dialettico e di fare, dell’attuale vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini e dell’Ex Ministro dell’economia e delle finanze Silvio Berlusconi) sia esteri (come da nome, riprende il presidente odierno Statunitense Donald Trump); posso garantire, a chiunque leggerà il suddetto fumetto, che non risulta mai pesante e noioso.
2. Sono presenti inoltre piccoli dialoghi e camei inerenti, oltre a personaggi in ambito politico, al mondo dell’animazione e delle serie tv: vi strapperanno molto più di una risata, che è anche quello attorno al quale il fumetto è stato costruito oltre ovviamente a rimanere serio quando occorre. In un’Italia sempre più intollerante nei confronti dello straniero per timore di perdere il proprio posto di lavoro, in uno Stato ove i cittadini sono stanchi di essere presi in giro con falsi giuramenti da parte dei politici lamentandosene apertamente sui social ma non facendo nulla a livello pratico scendendo tutti assieme per protesta l’autore Edoardo Testi vuole mostrarci tutto questo.

Conclusione
Trumpolino è un fumetto che fa dalla sua la satira Italiana e la serietà per farci riflettere un quadro che oggigiorno è la politica vista in tutte le sue forme. Lo consiglio vivamente a tutte le varie utenze, passando dalla fascia adolescenziale finendo in quella adulta.

Rispondi