Ormai ci stiamo avvicinando all’E3 2019 e con una breve serie di articoli ricapitoleremo aspettative e speranze di quello che le varie conferenze che si terranno tra l’8 e l’11 giugno offriranno. Molti considerano la fiera di quest’anno come quella di passaggio; quella che dovrebbe traghettarci con calma verso il prossimo anno, anno della presentazione delle nuove console. Nonostante ciò però l’E3 2019 ha bisogno di dimostrare una propria nuova vita dato che negli ultimi anni la sua fondamentale importanza sta cominciando ad essere messa in dubbio. La non presenza di Sony, ma anche di EA ad esempio sono due fattori che lasciano intendere come l’intera fiera abbia bisogno di una nuova riconsiderazione. Pertanto con cosa partire se non con quella più attesa? Stiamo parlando di Microsoft.

Tante nuove (possibili) esclusive

La casa di Redmond è sicuramente la maggiore fonte di aspettative e di speranze di quest’anno. Micrsoft è infatti chiamata quest’anno a sorreggere da sola lo showcase vista l’assenza di Sony. Quello che ci aspettiamo, ma soprattutto vogliamo è un cambio di passo in termini di titoli first party. Le ultime apparizioni di Phil Spencer infatti hanno riguardato l’acquisto e l’ingresso nei Microsft Game Studios di sempre più case di sviluppo di gran livello come Ninja Theory, Obsidian, Inxile e molti altri. Le speculazioni si sprecano ma partiamo da quelli che sicuramente saranno presenti: i cavalli di battaglia, Halo Infinite, Gears 5, Gears Tactics Forza Motorsport e Ori and the Will of The Wisp. Ci aspettiamo grandi cose soprattutto dal nuovo Halo che ha ricevuto grandissimi investimenti e un nuovo inedito motore grafico. Così come non vediamo l’ora di vedere Gears 5 e il nuovo Ori, che a quanto pare potrebbe rivelarsi almeno visivamente come uno dei titoli più affascinanti di quest’anno.

Alcune speculazioni, piuttosto sicure a dir la verità, inoltre parlano sia della presenza di un nuovo Banjo Kazooie e di un nuovo Battletoads, altri brand sicuramente interessanti che delle presentazioni dei progetti in lavorazione di Playground Games, un GDR che molti ritengono essere il nuovo Fable e di Ninja Theory, dai quali non sappiamo cosa aspettarci. Da qui possiamo soltanto tirare ad indovinare: alcuni rumor ad esempio parlano di un reboot di Perfect Dark; altri del nuovo progetto degli Obsidian o dei Compulsion Games. Senza contare la possibilissima presenza di Age of Empires 4, probabilmente ulteriore esclusiva.

Un’E3 2019 senza Sony: Multipiattaforma e Servizi

Come promesso la carne al fuoco è tantissima, non dobbiamo dimenticare che molto probabilmente Microsoft rilascerà le specifiche per la console di prossima generazione. Altro turning point di quest’anno. Senza contare tra l’altro la presentazione di Project xCloud, il nuovo servizio in streaming. Infine non dobbiamo dimenticare la consueta presentazione dei vari titoli multipiattaforma. Dopotutto in questi anni abbiamo visto presentati lì tantissimi grandi titoli, ultimi per apparizione proprio Cyberpunk 2077 e Sekiro. Difatti la conferenza sarà interessante perchè qui quasi sicuramente vedremo il tanto atteso nuovo progetto di From Software in collaborazione con George R.R. Martin, probabilmente un nuovo gameplay di Cyberpunk 2077 e sicuramente un sostanzioso giocato di The Outer Worlds. Inoltre sembra che avremo la possibilità di vedere i nuovi progetti di RARE e di Capcom e chissà cos’altro visto che dopotutto Microsoft è l’unico produttore di console presente.

Come potete aver capito la conferenza Microsoft quest’anno sarà probabilmente incredibilmente pregna di nuovi contenuti e di esclusive. Per questo motivo infatti la conferenza avrà una durata di ben due ore. Noi speriamo decisamene in un ritorno di Phil Spencer e compagnia in pompa magna dopo un lungo periodo di poca carne al fuoco soprattutto in termini di esclusive. Microsoft potrebbe fare il botto quest’anno e monpolizzare l’attenzione vista l’assenza di Sony. Per cui non ci resta che aspettare e rimanere collegati il 9 giugno alle 22:00 ora italiana.
E voi? Cosa vi aspettate? Sarà l’anno di Microsoft? O ancora una volta dovremo aspettare qualche colpo da Sony dopo l’E3 2019?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *